Iachini teme il Napoli: «Macchina da guerra. Berardi da Nazionale»

iachini, sassuolo
© foto www.imagephotoagency.it

Verso Sassuolo-Napoli, Iachini non scopre le carte: dubbio tra difesa a 3 o 4. Rischio retrocessione per i nero-verdi, serve recuperare Politano e Berardi

Beppe Iachini vuole fare uno scherzetto al Napoli nel match che attende gli uomini di Sarri al Mapei Stadium nell’anticipo della 30ª di Serie A. Intervistato dal Corriere dello Sport, il tecnico del Sassuolo ha presentato la sfida: «Ci attende un test difficile. Il Napoli ha costruito una macchina da guerra super, e l’unico modo per fermarli è essere perfetti in entrambe le fasi. Contro una squadra del genere puoi giocare per lo 0-0 altrimenti perdi sempre. I due ultimi risultati positivi del Sassuolo, in casa, contro il Napoli, sono arrivati in situazioni particolari. La vittoria del 2015 arrivò contro una squadra che era un cantiere aperto».

Nelle ultime settimane il Sassuolo è piombato in piena zona salvezza e le ultime nove partite di campionato saranno fondamentali per evitare la retrocessione: «Lo scorso anno sono bastati 34 punti, ora ne serviranno 36-37. Siamo stati spesso penalizzati dal risultato e ora dobbiamo rimboccarci le maniche perché la classifica attuale non rispecchia il nostro valore. Come produzione offensiva siamo la nona squadra del campionato, ma siamo a +3 sulla terz’ultima. Per il Napoli stiamo lavorando su diverse situazioni di gioco, tra difesa a quattro e difesa a tre. Valuteremo in settimana».

Infine, un commento su Berardi da parte dell’allenatore Iachini: «Berardi? Ha commesso degli errori ma deve insistere perché ha le possibilità e la forza per tornare l’attaccante del passato. Secondo me è un giocatore da Nazionale. Per quanto riguarda Politano, devo dire che è tornato se stesso. Ha avuto un periodo un po’ difficile per colpa delle voci di mercato, ma è tornato nuovamente al top».