Mihajlovic: «Palermo? Attenti alle sorprese! Stagione positiva anche senza Europa»

torino - simunovic
© foto www.imagephotoagency.it

Conferenza stampa della vigilia per Sinisa Mihajlovic. Il tecnico granata ha parlato a 24 ore dalla partita tra Torino e Palermo. Le sue dichiarazioni e le ultimissime notizie

Sinisa Mihajlovic, tecnico del Torino, ha affrontato numerosi temi nella conferenza stampa della vigilia. I granata scenderanno in campo domani, sul terreno amico del “Grande Torino” per sfidare il Palermo di Diego Lopez e il tecnico invita i suoi a tirare fuori gli artigli: «Domani tutti si aspettano i 3 punti e anche noi ci aspettiamo i 3 punti con il Palermo ma non sarà semplice perché da quando è arrivato Lopez hanno cominciato a giocare bene, hanno fatto 5 punti in 5 partite incontrando Juve, Napoli e Atalanta. Dovremo stare attenti alle sorprese. Forse domani è la loro ultima spiaggia e per questo ci attenderà una partita difficile. Noi dobbiamo ripartire dagli ultimi 30 minuti di Firenze: se giocheremo come nel primo tempo perderemo sicuramente, se giocheremo come negli ultimi 30 minuti avremo ottime possibilità di vittoria. Hanno giocatori che possono metterci in difficoltà, sono compatti in fase difensiva ma noi siamo il Torino e sono fiducioso. In trasferta facciamo fatica? Noi dobbiamo fare più punti dell’andata per fare il record di punti. E’ difficile avere una fisionomia certa, giocare allo stesso modo in casa e fuori: è difficile ma stiamo lavorando per raggiungere questo obiettivo perché ci permetterebbe di programmare e di avere i giusti innesti in vista della prossima stagione. Tante squadre hanno due facce, in casa e fuori, non capita solo a noi ma noi continueremo a lavorare per migliorare questo aspetto. Se Belotti vale 100 milioni? Il prezzo lo fa il mercato. Lui in prospettiva potrebbe diventare uno dei migliori del campionato italiano anche se è già il più forte attaccante italiano. Gustafson? Ha avuto bisogno di tempo per abituarsi a certi ritmi, come gli altri, ma è cresciuto molto e domani farà una grande gara».

LA CONFERENZA STAMPA DI MIHAJLOVIC PRIMA DI TORINO vs PALERMO – Prosegue Mihajlovic: «Acquah? E’ un ragazzo molto bravo, non fa mai polemiche e lo conosco molto bene e so quanto mi può dare. In queste partite vorrei valutare altri ragazzi come Gustafson e Lukic anche per capire se potranno darci una mano nella prossima stagione. Io considero Acquah come un titolare. Domani non giocherà ma sicuramente da qui alla fine del campionato potrà giocare diverse partite dall’inizio. Lukic? Ho parlato con lui dei tanti cartellini presi. E’ giovane, bisogna vedere anche quali falli fa, non deve andare in scivolata perché devi andare in scivolata solo quando sei sicuro di prendere il pallone ma è un ragazzo intelligente e crescerà. Ha qualità, può giocare semplice ma ci sono dei momenti della partita in cui deve inserirsi, prendersi dei rischi. Abbiamo valorizzato giovani come Zappacosta, Barreca e Boye, per questo la stagione è positiva anche senza Europa League. Ljajic? E’ un patrimonio del Torino e anche lui sa che deve fare molto di più ma è grande e non dobbiamo ripeterlo ogni giorno. Deve sentire meno apprensioni e deve ritrovare la spensieratezza. A Firenze è entrato bene, si sta allenando bene. Domani non so se giocherà dall’inizio o a gara in corso. Lui sa che deve fare meglio. Iturbe? Io non mi aspetto tanto da quelli che giocano ma da tutti. Credo che ormai sia pronto, domani non giocherà ma se continua ad allenarsi così la settimana prossima lo metterò in campo, così come Ljajic e lo stesso Maxi. Anche gli infortunati stanno tornando: Molinaro è stabilmente in gruppo, Castan tornerà in settimana ad allenarsi, Valdifiori lo stesso, Carlao dovrebbe rientrare la prossima settimana ed è importante avere quasi tutti a disposizione».