Connettiti con noi

Azzurri

West Ham, Ogbonna: «Mi sento ogni giorno più forte. Ora sogno la Nazionale»

Pubblicato

su

Ogbonna

Il difensore del West Ham Ogbonna ha recuperato dall’infortunio al ginocchio e ora sogna il ritorno in Nazionale

Angelo Ogbonna, difensore italiano del West Ham, in una intervista a La Gazzetta dello Sport ha raccontato l’emozione del ritorno in campo dopo l’infortunio al ginocchio dello scorso anno.

FORMA RITROVATA«Mi sento ogni giorno più forte, anche se la mia riabilitazione non finisce mai. Non pianifichiamo, analizziamo e cerchiamo di trovare la cosa migliore per la mia condizione». 

BRIVIDO DEL RIENTRO«Sapevo dal giorno prima che avrei giocato, ma l’emozione più grande è stato scoprire che avrei indossato la fascia di capitano: è stato emozionante perché tutti non vedevano l’ora che tornassi. È stato un lungo viaggio, anche se ora che è finito sembra passato velocemente. È stata dura». 

SCAMACCA«Gianluca è un ragazzo molto interessante. Ha qualità da vendere, me l’hanno detto anche Zanetti e Stellone, suoi allenatori che sono stati miei compagni. Penso che la Premier possa essere una rampa di lancio per lui: è un campionato competitivo, è importante che mostri le sue qualità fisiche e tecniche». 

PREMIER LEAGUE«Il gioco. Qui la competizione è sempre alta. Non ho mai visto una partita semplice, né in campionato né nelle coppe nazionali: sono scenari che ti rimangono dentro, e alla fine fanno la differenza». 

AVVERSARI INDIMENTICABILI – «Ce ne sono tantissimi. Voglio citare Jorginho: molti lo criticano pensando che non sia all’altezza, penso invece che abbia avuto la forza e la testa per imporsi. E poi De Bruyne e Aguero. E ora Koulibaly. Poi Van Dijk e Kane. È un campionato incredibile». 

INIZIO DIFFICILE «Veniamo da due anni in cui abbiamo spinto tanto, spendendo tante energie. La squadra è sempre stata corta, gli infortuni ci hanno penalizzato. Anche adesso: il club ha speso molto per Aguerd, il nuovo difensore, che si è fatto male subito. I nuovi come Gianluca sono arrivati a metà-fine preparazione, pure questo conta. Tutto considerato non penso che la nostra situazione sia così negativa come sembra». 

NAZIONALE«Ci ho sempre pensato. Chi non ci pensa è perché non è attaccato al calcio. Il calcio è fatto di passione, gioia ed emozioni: abbiamo iniziato perché il nostro sogno era giocare ad alti livelli, di vestire la maglia della Nazionale. Lo sarà fino all’ultimo». 

News

video

Copyright 2021 © riproduzione riservata Calcio News 24 -Registro Stampa Tribunale di Torino n. 47 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - P.I.11028660014 - Editore e proprietario: Sport Review s.r.l.