Caccia ad Eto’o: Inter in pole, ma Napoli e Roma…

© foto www.imagephotoagency.it

Gli aggiornamenti sul futuro dell’attaccante camerunense, che potrebbe far ritorno in Italia.

CALCIOMERCATO INTER NAPOLI ROMA ETO’O – L’addio nel 2011 non ha spezzato il legame tra Samuel Eto’o e l’Inter, che potrebbero piuttosto rinsaldarlo con un nuovo contratto. Questo è il sogno della famiglia del giocatore camerunense, che ha continuato a viverci nonostante il trasferimento all’Anzhi, e della società nerazzurra, che così potrebbe contare su un valido rinforzo in attacco. Due anni da pendolare per Eto’o, che vuole riabbracciare definitivamente la sua famiglia, anche se nell’accordo stipulato con l’Anzhi furono inseriti dei pacchetti di biglietti aerei da sfruttare per tornare “a casa”, lì dove l’Inter vuole riportarlo.  Qualche segnale positivo in tal senso c’è: la missione esplorativa inglese dell’entourage di Eto’o non ha portato a nulla. Ieri, infatti, l’agente Claudio Vigorelli ha incontrato a Londra i vertici del Chelsea, che però ha condizionato il proprio ingresso in scena a varie eventualità. Del resto l’attenzione dei Blues è focalizzata su Wayne Rooney e prima bisognerebbe cedere Torres e Demba Ba. L’insidia Mourinho, dunque, è concreta, ma non imminente.

Come riportato da “La Gazzetta dello Sport”, Massimo Moratti si aspetta un abbassamento dell’ingaggio del calciatore, magari fino a 4,5 milioni di euro netti e intanto Branca e Ausilio aspettano il momento giusto per entrare in gioco. Intanto Eto’o è in ritiro con il Camerun in vista della sfida con il Congo, poi tornerà a Mosca per rimettersi a disposizione dell’Anzhi, dove ha promesso di restare fino a gennaio se non trovasse una soluzione immediata soddisfacente, alla quale punta fortemente. La tentazione, però, è forte anche per Napoli e Roma, a cui è stato proposto dal suo agente. Secondo il “Corriere dello Sport”, nel primo caso l’ipotesi è stata “congelata” per dar spazio ad altre piste e nel frattempo valutare la situazione, nel secondo “basterebbe” cedere Pablo Daniel Osvaldo e Marco Borriello. L’insidia da non sottovalutare è rappresentata dal Monaco, che farebbe carte false per averlo, nonostante le esose uscite estive.