Cairo: «In Lega c’è unità ma bisogna capire se si potrà proseguire»

© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente del Torino, Urbano Cairo, ha parlato di Superga e della ripresa agli allenamenti. Le ultimissime notizie

Urbano Cairo, presidente del Torino, è intervenuto su Radio Anch’io su Radio Rai nel giorno dell’anniversario della tragedia del Grande Torino per parlare della commemorazione e anche del futuro del calcio italiano.

SUPERGA – «Abbiamo l’autorizzazione del prefetto e andremo velocemente a Superga per deporre un mazzo di fiori. Stiamo vivendo un momento particolare. Ai tempi del Grande Torino, la guerra era appena finita, ora siamo in piena pandemia che non è una guerra ma ha sconvolto la nostra vita. Il Grande Torino diede un senso di rivincita, il popolo italiano si unì, c’era un affetto particolare».

RITORNO ALLENAMENTI – «Tutti stanno valutando se è possibile ripartire e questa è una cosa giusta, ma la parola finale spetterà alle istituzioni. Io mi preoccupo che il tutto avvenga nel modo migliore per tutelare la salute dei miei dipendenti, senza dimenticare che i giocatori sono fermi e chiusi in casa da oltre due mesi. Campionato nell’anno solare? Ho sentito tante ipotesi, non lo so. Credo sia giusto mantenere il format del campionato, la gente è abituata così e lo preferisce».

LEGA – «In Lega c’è compattezza ma anche opinioni differenti, ognuno esprime la propria opinione. C’è unità, ma bisogna poi capire se nel caso si potrà proseguire. Dobbiamo tenere conto che nel nostro Paese ci sono stati enormi problemi, a partire da quello sanitario».