Connettiti con noi

Hanno Detto

Conferenza stampa Mourinho: «Dal mercato non mi aspetto di più»

Pubblicato

su

L’allenatore della Roma Mourinho ha parlato alla vigilia della partita contro l’Empoli

José Mourinho, allenatore della Roma, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della trasferta contro l’Empoli.

SMALLING – «Sta bene, magari non benissimo ma sta bene. Si è allenato 2 giorni, venerdì e sabato. sta disponibile per giocare e se sta bene giocherà. Al momento abbiamo 4 difensori centrali disponibili per giocare. Anche Kumbulla, che è un giocatore che 4-5 mesi fa non aveva fiducia, adesso ha fiducia e l’ha conquistata anche grazie al lavoro».

ABRAHAM – «Dove può arrivare lui con noi , dove possiamo arrivare noi con lui. I numeri sono lì e senza rigori, con tanti pali che potevano essere più gol. Però onestamente mi aspetto di più. Non soltanto a livello numerico ma anche a livello qualitativo e nelle palle aere dove non era cresciuto tanto. Con 24-25 anni che ha adesso nella prima stagione in Italia mi aspetto di più. Ma torno all’inizio, dove possiamo arrivare noi con lui e lui con noi. Spero che la crescita della individualità combaci con la crescita della squadra».

CLASSIFICA – «Penso che la classifica, gara dopo gara, con i cambiamenti che ci sono, penso che siamo lì. In questo momento penso che le squadre che sono tra le prime 4 o 5 del campionato hanno un potenziale che per qualche ragione sono lì. Se possiamo arrivare lì ovviamente sì. Magari nella prossima stagione a poco a poco con continuità possiamo arrivare lì. Non c’è dubbio se si guarda al nostro lavoro di club e di squadra».

CALCIOMERCATO – «Se la domanda è mi aspetto qualcosa di più io non mi aspetto di più, ma il mercato è aperto. Sulla sessione dipende dal modo come voi pensate le cose. Sembra che ogni volta che un giocatore va in panchina o gioca di meno sembra che la soluzione immediata sia cedere il giocatore. Se è così è complicato. Veretout è stato in panchina una partita ed è già in vendita. Carles Perez gioca ed esce al 45′ è in uscita: non è così. I giocatori che sono andati via erano parte di un progetto, di una strategia di struttura della nostra squadra. Penso che questa rosa rimane fino a fine campionato e infatti, in modo obiettivo abbiamo cambiato 4 giocatori con pochissimo minutaggio, con 2 giocatori che in 2 partite hanno fatto tanti più minuti che i 4 in 6 mesi. Oliveira 180 minuti e Maitland 200. Questa è una strategia di struttura della rosa. Oliveira che dà strategie a centrocampo e Maitland che dà protezione a Karsdorp e a Vina e di questo sono contento perché lo abbiamo fatto entro il 10 di gennaio. Gli altri giocatori? Perez ha giocato anche da titolare in 7-8 partite in stagione. Abbiamo bisogno di rosa, non di gente che esce».

Advertisement

Facebook

Advertisement