Connettiti con noi

Calciomercato

De Laurentiis su Fabian Ruiz e Koulibaly: «Vanno via solo per 100 milioni»

Redazione CalcioNews24

Pubblicato

su

De Laurentiis Napoli

Aurelio De Laurentiis ha parlato anche di alcuni giocatori del Napoli nella lunga intervista concessa al Corriere dello Sport

Nella lunga intervista al Corriere dello Sport, Aurelio De Laurentiis ha parlato anche di alcuni giocatori del Napoli, finiti nel mirino dei top club esteri. Le sue parole.

VENDERE IL NAPOLI – «Se ci ho pensato? Mai. Ho ricevuto tre offerte, una da 700 milioni, una da 800 e l’altro ieri si è palesato uno che però non ha fatto cifre. Il Napoli rappresenta sedici anni della mia vita, nel 2004 produssi il mio ultimo film americano, Sky Captain and the World of Tomorrow,: non fu un grande successo ma guadagnai 90 milioni di dollari. Se avessi proseguito oggi mi ritroverei con 3-4 billions. Ho messo il calcio davanti a tutto».

FABIAN RUIZ E KOULIBALY – «Fabian ha ancora tre anni, Koulibaly due. Dov’è il problema? Se si presentassero City, United o Psg con 100 milioni, ci penserei ed è probabile che partirebbero, sempre se la loro volontà fosse quella di andarsene. Un’offerta di 60 non la prendo in considerazione. Io sono solido, se avessi voluto vincere lo scudetto a ogni costo mi ritroverei con 300-400mln di debiti. Mi guardo intorno e vedo società a -500, – 600, meno un miliardo. Io non devo un cazzo a nessuno».

CALLEJON – «A settembre, o ottobre non ricordo bene, ci siamo parlati e gli ho chiarito le nostre intenzioni, devo avergli ritoccato il contratto pure di 100-200mila euro. Il suo manager non ci ha fatto sapere più nulla. Basta, lui le condizioni le conosce».

MERTENS – «Dries è uno scugnizzo. Ci siamo visti a colazione sei mesi fa, una rivelazione, ho scoperto un uomo speciale, intelligente, mentalmente veloce, cazzuto, uno sfacimm’. Rinnovare il contratto a un calciatore di 33 anni non rientra nelle nostre abitudini, con Mertens è stato semplice, naturale. Dirò di più, quando avrà smesso di giocare mi farebbe piacere trovargli un ruolo per proseguire la collaborazione».

Advertisement