Il Real stellare in attacco: Ronaldo Ronaldo Ronaldo

© foto www.imagephotoagency.it

Madrid. Nonostante il nome dell’avversario non fosse altisonante a Madrid nelle ore prime della sfida si respirava un aria frizzante. In primis perché il Real nelle ultime tre partite aveva strabiliato con 12 gol fatti. In secundis perché Ancelotti in settimana aveva dato un ultimatum alla difesa: 7 gol subiti in 270 minuti sono un po’ troppi. Dulcis in fundo la Real Sociedad Anche se in Italia non è conosciuta, l’anno scorso è arrivata quarta in LIGA e ha un attacco rapido ed efficace grazie a Carlos Vela e soprattutto al ventiduenne francese Griezmann. Ma la partita si mette bene per il Real che apre le marcature con Ronaldo. 

Ronaldo, Ronaldo, ancora Ronaldo. Alla fine l’asso portoghese, oltre all’assist per Benzema, ha realizzato una tripletta che lo porta a quota 16 gol in campionato. La partita finisce 5-1 per il Real Madrid, che  nonostante abbia incassato un gol, ha dimostrato un netto miglioramento difensivo. La coppia centrale Varane-Pepe ha fatto il suo lavoro, anche grazie al filtro che Khedira e il ritrovato Xabi Alonso hanno fatto a centrocampo. La partita i blancos l’hanno chiusa già nel primo tempo, basta dire che al 36’ il tabellone segnava già 4-0. 

Arriva Bale. Gareth Bale sembra ormai aver trovato non solo la forma, ma anche l’intesa con Cristiano e compagni. Nelle ultime quattro partite infatti, il Gallese ha collezionato 3 gol e ben 5 assist. Una risposta ai dubbi dei tifosi per l’esorbitante cifra spesa dal club per Bale, che in una Spagna in crisi non zittisce, ma almeno dal punto di vista tecnico fa sorridere i tifosi.

Bel gioco e LIGA. Sicuramente il Real Madrid è ancora una squadra in costruzione, gli arrivi di Isco, Bale, Illaramendi, il ritorno di Xabi Alonso e Casillas, nonché le partenze di Higuain e Ozil (oltre al cambio in panchina) sono cambi che vanno digeriti. Ma Ancelotti può dirsi soddisfatto visti i gol, il bel gioco si è visto a tratti. Ma oggi Carletto può dormire sonni tranquilli, il campionato è salvo per una domenica in più. A sei punti dal Barcellona il Real Madrid non può permettersi di sbagliare. Insomma il bel gioco è un obiettivo importante, ma alla fine della stagione sono i trofei che contano.