-->
Connettiti con noi

Azzurri

Insigne: «Spagna? Dispiace non aver vinto. Mi commuovo ancora per l’Europeo e sul rinnovo con il Napoli..»

Pubblicato

su

Insigne

Lorenzo Insigne, attaccante dell’Italia e del Napoli, ha parlato in collegamento durante il Festival dello Sport

Lorenzo Insigne, attaccante del Napoli e dell’Italia, ha parlato in collegamento da Coverciano durante il Festival dello Sport di Trento. Le sue parole.

POST SPAGNA – «Dispiace a tutti di non aver vinto, ma non possiamo buttarci giù visto che tra due giorni abbiamo un’altra partita. Dobbiamo mantenere l’entusiasmo alto e avere sempre il sorriso. Dispiace non aver vinto ma stiamo lavorando per fare una grande prestazione domenica »

ITALIA TURCHIA – «È stata una grandissima emozione, non dico che non fossimo tesi ed emozionati. Per noi è stata una grandissima responsabilità, ma eravamo consapevoli della nostra forza e sapevamo di poter fare qualcosa di importante. Dopo la finale eravamo a piangere io, Immobile e Verratti. Siamo contenti di quello che abbiamo fatto, ma ora dobbiamo fare meglio».

ITALIA SVIZZERA – «Ci siamo accorti molto prima che eravamo un grande gruppo, ci sentivamo sempre quasi tutti i giorni.  La forza di un gruppo unito, scendere in campo con il sorriso… C’era grande entusiasmo, il segreto era trasmetterlo in campo».

COESIONE – «Dal primo giorno tutti ridevamo e scherzavamo, l’unico che non conosceva la canzone delle polpette era Chiellini ma ora la sa pure lui. La ascoltiamo ancora ora quella canzone».

ITALIA AUSTRIA – «Il mister ce lo aveva detto che era una partita difficilissima, erano aggressivi e correvano tanto. Quando abbiamo preso il gol ci è crollato il mondo addosso, fortunatamente era in fuorigioco, ci siamo un po’ liberati. Il mister ci aveva messo al corrente, siamo stati fortunati di passare il turno, ci ha permesso di continuare il percorso».

SPINAZZOLA – «Spina ha lasciato un grande ricordo, è stato sempre vicino a noi. E’ stato un giocatore fondamentale, giocando con lui dietro ero molto più sereno perchè anche se non tornavo indietro lui mi copriva. E’ stata dura il suo infortunio ma è stato vicino a noi e l’abbiamo ripagato con la vittoria».

RIGORI CONTRO LA SPAGNA – «Fossi stato in campo mi sarei preso la responsabilità. Poi abbiamo un grande portiere… Ne abbiamo sbagliati due in finale, lui ne ha parati tre. È stata la nostra fortuna avere Gigio in porta».

TIRO A GIRO – «Non è mio, è di Del Piero (ride ndr). Qualche volta il mister mi diceva di tirare sul primo che i portieri non se lo aspettano, migliorerò ma io non ne posso fare a meno».

VITTORIA – «Siamo tornati tardi a Roma, il giro con il pullman è stato unico. Ancora oggi ho le lacrime agli occhi e la pelle d’oca, è stata una cosa bellissima e che non dimenticherò mai»

FABIN RUIZ – «Fabian Ruiz mi ha chiesto di dedicargli il gol (ride ndr), era dispiaciuto di non essere stato convocato».

CONCORRENZA – «Non c’è concorrenza in Nazionale, chi va in campo deve dare tanto, ripagare la fiducia e mettersi a disposizione dei compagni. Come ha detto il mister abbiamo giocato tutti, abbiamo dato il contributo».

MONDIALE – «Se lo giocherò con la maglia del Napoli? Ho un contratto, ma voglio rimanere concentrato sul campo e basta. C’è il mio agente che sta parlando con il presidente, non è facile ma voglio rimanere sereno».