L’Empoli gioca, l’Inter regge: è 0-0

© foto www.imagephotoagency.it

La sintesi della gara del Castellani tra Empoli e Inter

Qualche istante fa è giunta al termine la partita dello stadio Carlo Castellani di Empoli tra i padroni di casa dell’Empoli e gli ospiti dell’Inter. La partita era valevole per la giornata numero diciannove del campionato di Serie A Tim valido per la stagione 2014-15; andiamo a vedere come si sono comportate le squadre in campo: ecco la sintesi e il tabellino di Empoli – Inter.

PRIMO TEMPO – La prima occasione è per i padroni di casa, partiti in maniera molto sparagnina: al quinto minuto è Hysaj a provarci da lontano con Handanovic pronto a respingere una conclusione pericolosa. La partita è gradevole e l’Inter va vicina alla rete con un tocco fortuito di Tonelli in seguito a un corner ma la difesa salva sulla linea e sventa il pericolo al 19′. Pochi minuti dopo su un cambio di campo di Podolski è Hernanes ad andare al tiro dal limite, ma Sepe fa buona guardia. Alla mezz’ora l’Empoli protesta per una leggera spinta in area di Campagnaro su Pucciarelli ma Doveri lascia correre e dal replay sembra aver ragione l’arbitro. Il primo vero tiro in porta dell’Inter arriva però al minuto trentasette con Fredy Guarin, il colombiano ci prova da fuori ma fa la barba al palo. L’Empoli verso il 41′ crea scompigli in area nerazzurra, prima un cross da corner smanacciato da Handanovic dopo una leggera deviazione, poi l’azione si sposta sulla destra da dove Hysaj fa partire un traversone insidioso tocato da Mchedlidze e mandato a lato di poco. Il primo tempo si chiude sullo zero a zero dopo un colpo di testa di Rugani fuori nell’ultima azione del recupero.

SECONDO TEMPO – La ripresa subito dopo sei minuti riserva una palla gol a Vidic, che sfrutta una brutta uscita di Sepe ma di testa manda a lato con la porta sguarnita dopo un corner; l’Empoli risponde subito con Vecino ma è l’ennesima conclusione da fuori che Handanovic lascia sfilare a lato. Al 58′ però è ancora l’Inter con un cambio di gioco a mettere paura ai toscani: Hernanes crea superiorità numerica dopo un lancio da sinistra, crossa in mezzo e in tuffo di testa Palacio sfiora il palo. Sepe batte il rinvio dal fondo e lancia in attacco dove il pallone arriva a Pucciarelli che si accentra e lascia andare un tiro di sinistro dal limite ma Handanovic si fa trovare pronto e manda in angolo. Poco dopo l’ora di gioco Pucciarelli si infila ancora una volta tra i difensori ma di destro manda sul fondo. E’ una guerra personale tra Pucciarelli e Handanovic, il toscano al 63′ si presenta davanti ad Handanovic ma lo sloveno è super a respingere di piede. L’Empoli spreca un’altra palla gol su una sciocchezza di Guarin al 67′: il colombiano perde palla in aera e in una selva di gambe spunta la punta del destro di Mchedlidze che manda la palla in bocca al portiere dell’Inter che si supera pure su un tiro in scivolata di Zielinski al 72′. Curioso quanto accade all’82’ quando il guardalinee Cariolato si fa male in un’occasione e si fa medicare dai dottori dell’Inter. La prima azione di Shaqiri è un corpo a corpo con Croce vinto dallo svizzero all’88’, il pallone dell’ex Bayern trova Hernanes che col destro tira lentamente fuori. E’ l’ultima occasione di uno 0-0 divertente.

ANALISI – E’ stato un grande Empoli contro un’Inter che si è difesa con ordine ma non ha osato più di tanto, nonostante due ghiotte occasioni. Per quanto riguarda i ragazzi di Sarri  il problema è sempre la finalizzazione perché poi la manovra è una delle più limpide e belle di tutta la Serie A; l’Inter ha fatto un passo indietro rispetto a domenica e deve dire grazie a Handanovic. E’ stato un risultato bugiardo perché l’Empoli avrebbe meritato di più ma l’Inter può essere contenta del cambio di passo con l’ingresso di Shaqiri nell’ultimo quarto d’ora.

TABELLINOEmpoli 0-0 Inter

Marcatori: nessuno.
Ammoniti: Mchedlidze (E), Vidic (I), Medel (I)
Espulsi: nessuno.

Empoli (4-3-1-2): Sepe; Barba, Rugani, Tonelli, Hysaj; Vecino, Valdifiori, Croce; Verdi (65′ Zielinski); Mchedlidze (70′ Maccarone), Pucciarelli (84′ Tavano). A disposizione: Pugliesi, Bassi, Laurini, Perticone, Signorelli, Laxalt, Bianchetti. Allenatore: Sarri.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; Campagnaro, Vidic, Ranocchia (46′ Andreolli), D’Ambrosio; Guarin, Medel; Hernanes, Palacio, Podolski (74′ Shaqiri); Icardi (60′ Kovacic). A disposizione: Carrizo, Berni, Kuzmanovic, Obi, Dodò, Mbaye, Krhin, Donkor, Bonazzoli. Allenatore: Mancini.

Arbitro: Doveri. Guardalinee: Cariolato e Fiorito. Quarto Uomo: Giallatini. Addizionali: Orsato e Pairetto.