Sassuolo, comunicato sul Mapei Stadium: «La Reggiana ci deve 575mila euro»

squinzi Sassuolo
© foto www.imagephotoagency.it

Contenzioso tra il Sassuolo e la Reggiana per il Mapei Stadium. I reggiani devono pagare quasi 600mila euro ai neroverdi

Giorgio Squinzi, patron del Sassuolo, ha acquistato lo stadio di Reggio Emilia, divenuto quindi il Mapei Stadium. La Reggiana, club di Lega Pro, per giocare all’interno dello stadio della sua città deve pagare l’affitto ai neroverdi ma secondo la società di patron Squinzi, la Reggiana ha un debito con i neroverdi da 575mila euro. Questo il comunicato: «Le parti si impegnavano a garantire ad A.C. Reggiana l’uso dello Stadio per il periodo 1° luglio 2014 – 30 giugno 2016, impegno poi rispettato con la sottoscrizione tra Mapei Stadium e A.C. Reggiana del contratto del 18 giugno 2014, che consentiva ad A.C. Reggiana l’utilizzo dello Stadio e dei relativi servizi per un corrispettivo annuo di Euro 250.000”. Il costo dell’affitto è poi passato a 280.000 ”..e quindi deve ritenersi del tutto falso che vi sia stato un raddoppio dei costi».

Ancora i neroverdi: «Quanto all’ingente debito maturato da A.C. Reggiana verso Mapei Stadium per l’inadempimento degli impegni assunti con un contratto regolarmente sottoscritto che ha consentito alla stessa l’utilizzo di uno stadio di primissimo livello e dei relativi servizi per circa due anni, si evidenzia che A.C. Reggiana è ad oggi insolvente per oltre 575.000, cui sono destinati ad aggiungersi gli ulteriori canoni  fino alla scadenza del giugno 2018». Il Sassuolo ha aperto alla reggiana un piano di dilazione ma non ha ritenuto accettabile la proposta e ha inoltre parlato di ricatti da parte dei Piazza, proprietari della Reggiana.