Connettiti con noi

Calcio italiano

Serie A, rivoluzione Casini: «Risorse, nuovi stadi e il calcio a scuola»

Pubblicato

su

Casini

Il presidente della Lega Serie A Casini ha parlato dei suoi progetti per rivoluzionare il calcio in Italia

Lorenzo Casini, presidente della Lega Serie A, in una intervista al Corriere della Sera ha parlato dei suoi progetti per rivoluzionare il calcio in Italia.

CULTURA E CALCIO«Il calcio è anche cultura. Ci sono molti collegamenti storici a testimoniarlo, basti pensare che lo sport ha iniziato a scandire il tempo, il calendario, con le Olimpiadi. Un esempio importante dall’Unesco, con forme di gioco e tradizioni sportive identificate come patrimonio culturale intangibile dell’umanità». 

RISTORI«No e ne abbiamo parlato. Per lo spettacolo, governo e Parlamento hanno stanziato risorse perché c’era una categoria molto vasta di imprese e lavoratori in difficoltà. Per il calcio, non mi aspetto che oggi lo Stato eroghi ristori, ma che aggiorni le regole affinché non siano frenati i ricavi. Mi riferisco alla vendita dei diritti tv all’estero, ora limitata da molti paletti. Ma anche ai maggiori introiti da giochi e scommesse. In altri Paesi, una parte delle risorse di lotterie e giochi vanno allo sport, oltre che alla cultura. Sarebbe auspicabile che ciò avvenisse anche in Italia».

PROBLEMA STADI«Occorre far comprendere che uno stadio non è solo un campo di gioco, ma anche uno strumento di rigenerazione urbana e un mezzo per migliorare l’efficienza energetica e un hub tecnologico. Costruire nuovi impianti non è un problema locale, ma nazionale: serve una cabina di regia permanente, a guida governo, con il Coni, la Figc, le Leghe, l’Istituto per il credito sportivo e le amministrazioni coinvolte. Certo, un grande evento come un’Olimpiade, un Mondiale o un Europeo sarebbe un acceleratore». 

DE LAURENTIIS E LOTITO«La mia figura è stata proposta non solo da Napoli, Lazio e Fiorentina, ma anche da altre squadre, in particolare le proprietà americane: ringrazio tutte. Non ho avuto difficoltà, ma capisco che in questo mondo si usano spesso “argomenti fantoccio” per attaccare, soprattutto quando non si hanno molte frecce». 

PERCHE HA ACCETTATO«Ho capito che avrei avuto l’opportunità di essere utile alla Lega e, quindi, anche al Paese. Per ritmo e impegni di lavoro, la mia vita si è un po’ alleggerita. Ma è aumentata la popolarità ed è come avere sempre un megafono in mano. Sto cercando di conviverci». 

DIFFERENZE CON CALCIO INGLESE«Il nostro è più tattico, quindi a volte esteticamente meno appagante. Ricordo l’anno della vittoria in Premier del Manchester City con Mancini in panchina, l’ultima partita: vi era sempre la sensazione che potesse succedere qualcosa da un momento all’altro, come in serie A accadeva sempre con Maradona, Van Basten, Baggio, Ronaldo, Del Piero e Totti, e abbiamo rivisto a tratti con CR7, ma anche con Barella o Chiesa, perciò sono ottimista». 

FALLIMENTO MONDIALE«Mi spiace perché ci sono bambini, come i miei figli, che per due edizioni consecutive non vedranno gli azzurri nella manifestazione più seguita. Il rischio è che si perdano generazioni di tifosi. Il 1982 fu straordinario: chi a scuola non ha provato a imitare la corsa e l’urlo di Tardelli?». 

INDICE LIQUIDITA«Già prima del mio arrivo, le società avevano chiesto alla Figc di posticipare alla prossima stagione l’introduzione dell’indice. L’entrata in vigore della regola è avvenuta troppo tardi rispetto ai tempi necessari per l’iscrizione al nuovo campionato e in un contesto ancora provato dalla pandemia. Con lo 0,4 non ci sarebbero criticità per i club»

EMERGENZE NEL CALCIO – «Sono diverse. Mi limito qui a indicare tre obiettivi. Il primo è legato alle risorse, perché bisogna diminuire i costi e aumentare i ricavi. Il secondo, come già detto, è agevolare la ristrutturazione o la nuova costruzione di stadi e centri sportivi. Il terzo riguarda anche la scuola: è fondamentale potenziare il calcio, per la sua valenza formativa, nella popolazione studentesca maschile e femminile». 

DECRETO CRESCITA «Resta uno strumento che ha una sua utilità, purché non se ne abusi. Sarebbe meglio introdurre forme di incentivi per chi utilizza giocatori italiani. Per esempio, perché non premiare le squadre che impiegano un maggior numero di calciatori convocabili per le Nazionali?».