Alla scoperta di Karamoh: «Io il Mayweather del calcio. Esultanza? Vi spiego»

Alla scoperta di Karamoh: «Io il Mayweather del calcio. Esultanza? Vi spiego»
© foto www.imagephotoagency.it

Yann Karamoh è uno dei volti nuovi in casa Inter, in questa intervista abbiamo scoperto qualcosa in più del talento 19enne

Sempre divertenti le interviste che vedono protagonisti i calciatori neroazzurri nel corso di “Drive Inter” su InterTv. Questa settimana è toccato all’ivoriano, naturalizzato francese, Yann Karamoh: «Sia in Italia che in Francia si è parlato molto del mio gol al Bologna. Non mi sono ancora reso conto di quello che ho fatto, dico soltanto che so usare anche il piede sinistro: ho ricevuto davvero tanti complimenti, che hanno reso felice anche la mia famiglia. Esultanza? Non ha un particolare significato, ma è semplicemente un gesto che faccio in famiglia».

Yann non è un tipo che ama molto parlare di sè, prima dei match ascolta musica e chatta con gli amici, nel tempo libero, invece, fa shopping e gioca alla playstation. Ed è rimasto decisamente colpito dall’Inter: «Mi hanno stupito i tifosi così come la gestione del club. La squadra è fortissima e ha una grande mentalità. Sono migliorato da quando sono qui ed il merito è anche dei miei compagni che mi consentono di esprimermi al meglio. Rigori? Ne ho calciati tanti: ne ho segnati, certamente, di più rispetto a quelli che ho sbagliato. Chi sarei se non fossi Karamoh? Sceglierei il pugile Mayweahter».