Allegri: «Napoli-Juventus? Mandzukic in forse, Dybala ok»

Allegri: «Napoli-Juventus? Mandzukic in forse, Dybala ok»
© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni di Allegri in conferenza stampa alla vigilia della semifinale di ritorno di TIM Cup tra Napoli-Juventus domani sera al San Paolo

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa alla vigilia del match di Coppa Italia contro il Napoli: «Domenica non riuscivamo a sviluppare gioco e domani dovremo fare una partita del tutto diversa, dobbiamo fare gol per passare il turno. Ci aspettiamo un Napoli che farà un’altra partita importante. Difficilmente Mandzukic sarà a disposizione per la partita di domani al San Paolo, mentre invece Cuadrado e Dybala sono regolarmente a disposizione. Domani è una da partita da dentro o fuori, noi vogliamo raggiungere la terza Finale di fila e non sarà certo semplice. Domenica abbiamo dato una prova di forza nel saperci adattare alla partita. Domenica i tifosi sono stati corretti e complimenti alla Questura. Eccessivo che si venga blindati. Il Napoli ha un gioco simile al Barcellona: se la palla ce l’hanno gli altri noi dobbiamo difenderci».

Allegri, conferenza Napoli-Juventus: «Mandzukic in forse»

Prosegue Allegri: «Neto gioca sicuro, Alex Sandro dovrebbe rientrare ma devo vedere prima l’allenamento, poi ci sarà la partita di sabato, devo cercare di gestire le forze e guardare all’arco dell’intera stagione. Tutti stanno bene e ho la possibilità di cambiare calciatori in campo. Higuain ha fatto una buona prestazione a livello fisico, non era facile domenica. Lemina ha fatto una buona partita, domani potrebbero esserci anche sette o otto cambi, vediamo… Se sarà un Napoli diverso? Domandatelo a Sarri, non credo cambieranno le loro caratteristiche. Domani non penserò assolutamente alle diffide in vista della eventuale Finale. Al posto di Mandzukic può giocare Alex Sandro esterno alto a sinistra ma anche Sturaro o Cuadrado. Vincere non è la normalità, ma è straordinario, perchè vince una sola. Detesto l’alone di negatività: negli ultimi anni abbiamo fatto tanto. Se pareggi una volta tanto non succede niente».