Aubameyang-Milan, due rette parallele che non s’incrociano mai

Aubameyang-Milan, due rette parallele che non s’incrociano mai
© foto www.imagephotoagency.it

Il passato di Pierre-Emerick Aubameyang è tinto di rossonero, presente e futuro però non fanno rima con Milan

Che strana la storia di Aubameyang e il Milan. L’eccentrico centravanti gabonese arrivò nella selezione under 19 del club rossonero, giocò 9 partite con la Primavera, segnando appena 2 gol, senza mai esordire in partite ufficiali con la prima squadra. Da qui la scelta di tentare di sfondare in Ligue 1, fino ad arrivare al Borussia Dortmund, con cui si è affermato a livelli internazionali. Pierre-Emerick non ha un carattere dei più semplici e ciò lo ha portato alla rottura con la società tedesca.

L’estate scorsa sembrava essere la volta buona per il ritorno dell’attaccante, il quale era stato a Milano per trascorrere dei giorni di vacanza e aveva mandato più di un messaggio sui social. La dirigenza rossonera, però, a detta del diretto interessato, ha dormito e lui è finito in Premier League, all’Arsenal. L’urna di Nyon ha scritto il finale di questa strana storia, mettendo di fronte il suo passato e il suo presente nei prossimi ottavi di finale di Europa League. Peccato che Aubameyang non possa giocarli, visto che ha già disputato competizioni internazionali quando militava nel Borussia Dortmund. Pierre e il Milan, come due rette parallele.