Calciomercato Milan: l’agente di Bacca apre al ritorno al Siviglia

Bacca milan
© foto www.imagephotoagency.it

Il procuratore Sergio Barila ha confermato al giornale spagnolo Estadio Deportivo come il colombiano accetterebbe di buon grado il ritorno in Andalusia

Come ben evidenziato in questa fase di precampionato, il futuro di Carlos Bacca non sarà sicuramente più rossonero; sia il Milan sia il giocatore, infatti, sarebbero disposti a una separazione consensuale e condivisa. E la destinazione spagnola di Siviglia – che lo ha visto assoluto protagonista nel biennio 2013-2015 – è quella che intriga più di tutte il classe ’86 di Puerto Colombia. A confermarlo è l’agente Sergio Barila, sulle pagine di Estadio Deportivo: «E’ un’opzione che Carlos gradirebbe, è stato molto bene lì, sia a livello sportivo che personale, e se ci fosse la possibilità di tornare, lo farebbe volentieri. È una stagione importante per i calciatori che avranno la possibilità di giocare il Mondiale e chi avrà Bacca, si assicurerà un gran numero di gol. Ad oggi è uno dei migliori bomber d’Europa». Dopo due anni passati sotto la Madonnina – con un bottino di tutto rispetto, fatto di 31 reti in 70 presenze – è giunta l’ora di separarsi, visti anche i poco idilliaci rapporti con la nuova dirigenza: «Il mio assistito aveva firmato un contratto di cinque anni con il Milan e l’intenzione era di rispettare l’accordo e far parte del progetto. Ma c’è stato un cambio di proprietà e dirigenza, con altre idee, per cui la cosa migliore è trovare una soluzione buona per tutti. Bisogna rispettare la decisione dei nuovi dirigenti ma anche quella di Carlos, un professionista che non è mai venuto meno ai suoi doveri, nessuno gli può rimproverare nulla». L’unico nodo riguardante la cessione, infine, potrebbe essere rappresentato dalla formula: il Siviglia, come aveva fatto il Marsiglia in precedenza, vorrebbe acquisire il giocatore in prestito, impegnandosi al solo pagamento dell’ingaggio; il Milan, invece, desideroso di far ritornare nelle casse parte dei milioni spesi per la faraonica campagna acquisti, pensa esclusivamente a una cessione a titolo definitivo; è solo una questione di intesa e di tempo, ma la strada del ritorno di Bacca a Siviglia sembra ormai molto solcata.