Badelj commosso: «Astori era e rimarrà la nostra luce»

Badelj commosso: «Astori era e rimarrà la nostra luce»
© foto www.imagephotoagency.it

Il nuovo capitano della Fiorentina commenta con gli occhi lucidi il pre partita di Fiorentina-Benevento

Un settimana dopo la scomparsa di Davide Astori, la Fiorentina torna in campo. O almeno ci prova. Una partita avvolta dal sempre vivo ricordo di Astori, tante le celebrazioni che ci saranno prima dopo e durante il match. Prima della partita contro il Benevento di De Zerbi, ha parlato Milan Badelj ai microfoni di Sky Sport: «Davide era e rimarrà la nostra luce, per sempre. Scendere in campo oggi? Sono le prime cose che per forza dobbiamo fare per la prima volta senza di lui, com’è stato andare al centro sportivo senza di lui, andare in città senza di lui: sicuramente oggi sarà una partita speciale, che nessuno di noi dimenticherà mai. Sarà difficile, parecchio, ma la sua famiglia starà soffrendo più di noi. Il pubblico? Non c’è solo oggi: la gente di questa città ci ha fatto vedere che anima ha questa città, unita dopo ciò che è successo».

Il centrocampista croato sarà il nuovo capitano della squadra di Stefano Pioli. Sono finora 135 le presenze in viola, sei i gol e dieci gli assist. È stato lui a prendere le redini della squadra negli ultimi difficilissimi giorni: dalle maglie apposte sui cancelli del Franchi in onore di Davide al discorso, a nome di tutta la squadra, tenuto nella Basilica di Santa Croce nel giorno dei funerali. Sembrava destinato a partire la scorsa estate, ora raccoglie in eredità la fascia che era di Davide Astori, dopo una settimana di raccoglimento in memoria del numero 13 viola.