Inter-Icardi, è rottura: «L’ultima volta che parlo con voi». Il club valuta le vie legali

Inter-Icardi, è rottura: «L’ultima volta che parlo con voi». Il club valuta le vie legali
© foto www.imagephotoagency.it

Mauro Icardi si rifiuta di tornare in campo dopo il colloquio con Luciano Spalletti e il medico sociale dell’Inter: starà fermo almeno fino alla sosta. Il club valuta nuovi provvedimenti

La rottura tra Mauro Icardi e l’Inter è definitiva. Il confronto avuto ieri dall’attaccante argentino con il tecnico Luciano Spalletti ed il medico sociale Alessandro Corsini non ha avuto esito positivo, ma c’è anche molto di più: agli interlocutori, che gli chiedevano di rientrare in gruppo in vista della partita di giovedì di Europa League contro l’Eintracht Francoforte, l’ex capitano nerazzurro avrebbe risposto più che bruscamente. «Questa è l’ultima volta che parlo con voi», avrebbe detto Icardi prima di lasciare Appiano Gentile. Il motivo dello scontro è sempre lo stesso: l’attaccante sostiene di essere infortunato al ginocchio e di non poter giocare a causa del dolore, mentre l’Inter la pensa in maniera opposta e preme affinché Maurito possa tornare in campo quanto prima.

Dopo essere stato privato della fascia però Icardi (con la moglie e agente Wanda Nara) non mollerebbe di un centimetro: è convinto che la società abbia avviato una campagna denigratoria nei suoi confronti al solo fine di cederlo e chiede la restituzione della fascia. Nei prossimi giorni l’argentino dovrebbe avere un confronto con il presidente Steven Zhang, in arrivo in Italia in vista del derby, ma pare comunque scontato che – almeno fino alla sosta – non giocherà più. L’Inter, dal canto suo, riporta stamane La Gazzetta dello Sport, valuta perfino l’ipotesi di adire alle vie legali qualora la situazione perdurasse: si attende il colloquio con Zhang, ma per il momento Icardi resta ai box emarginato dal resto del gruppo.