Buon compleanno a… David De Gea - Calcio News 24
Connettiti con noi

News

Buon compleanno a… David De Gea

Pubblicato

su

David De Gea

Oggi è il compleanno di David De Gea, rimasto svincolato dopo l’esperienza col Manchester United: la sua storia

Oggi Davide De Gea compie 33 anni. Può sembrare incredibile e lo è davvero, ma uno come lui non sta giocando. E quando scriviamo «uno come lui» vogliamo sottolineare due aspetti che ci paiono di una rilevanza solare: l’età e il curriculum. Sulla prima, ben sapendo le abitudini dei portieri che arrivano tranquillamente a toccare i 40 anni, è davvero sorprendente che uno come lui possa pensare al ritiro, anche perché finora è sembrato non ascoltare le sirene provenienti dall’Arabia Saudita.

De Gea si ritira? Decisione entro fine anno se non arrivano offerte

Quanto alla sua biografia, ci troviamo al cospetto del giocatore non britannico che ha collezionato più presenze di ogni altro nei suoi 12 anni al Manchester United. Il riassunto di quanto fatto lo ha perfettamente scritto proprio il club della sua vita al momento dell’addio: «David De Gea ha annunciato la sua partenza dal Manchester United, ponendo fine a una permanenza di 12 anni durante la quale si è assicurato una serie di trofei e riconoscimenti personali per consolidare il suo posto come uno dei più grandi portieri nella storia del club. Da quando è arrivato dall’Atlético Madrid nel 2011, David ha collezionato 545 presenze con il Manchester United con 190 reti inviolate, record di entrambi i club per un portiere. Ha vinto Premier League, FA Cup, UEFA Europa League e due Coppe Carabao. I suoi riconoscimenti personali includono due premi Golden Glove della Premier League, un record di quattro premi Sir Matt Busby Player of the Year (votati dai fan) e quattro premi Player of the Year». Se non bastasse l’ufficialità del comunicato, ci sono pure le dichiarazioni dell’allenatore Ten Hag, che pure è l’uomo che ha voluto a tuti i costi Onana per sostituirlo, fidandosi evidentemente di più del portiere conosciuto ai tempi dell’Ajax invece che dell’istituzione trovata quando è approdato nella casa dei Red Devils: «Ci vogliono grande qualità e carattere per raggiungere il livello di giocare anche solo una partita per il Manchester United. Farlo 545 volte in 12 anni è un risultato speciale, in particolare nella posizione di portiere dove ogni partita ti mette sotto i riflettori. Aver vinto i premi di Giocatore dell’anno sia dai tifosi che dai suoi compagni di squadra, ciascuno in quattro occasioni, dimostra il livello delle sue prestazioni e sarà sempre ricordato come uno dei migliori portieri nella storia del club. Sono personalmente grato per le 25 reti inviolate che ha contribuito a fornire la scorsa stagione e il suo contributo complessivo in campo durante il mio primo anno al club. Tutti i giocatori e lo staff gli fanno i nostri migliori auguri per la prossima fase della sua straordinaria carriera».

Manchester United, ten Hag: «Vogliamo tenere Rashford e De Gea»

Fase che non si è ancora avviata, per l’appunto, e fa specie perché anche in Italia David ha diversi estimatori e li ha da anni. A lui aveva anche pensato la Juventus quand’era finita l’era d Buffon e, più recentemente, c’è stato un concreto interessamento da parte di José Mourinho, che del resto conosce molto bene.

Roma, clamorosa idea De Gea per la porta

Gli ultimi anni allo United non sono stati semplici, ma non è che da quando ha abdicato le cose siano migliorate. Anzi, in questi primi mesi della stagione il suo successore è incorso in una serie di incertezze che hanno legittimamente provocato una nostalgia dei confronti dello spagnolo. Anche lui ha avuto le classiche papere che generano il desiderio collettivo di buttare il big giù dal piedistallo. Un’ondata di critiche che tre anni fa aveva generato l’accorata difesa del Commissario Tecnico della Spagna, Luis Enrique: «Parliamo di De Gea: quando commette un errore finisce su tutti i giornali, quando invece fa partite come questa dovremmo fargli una ola. Ha giocato tante partite come questa in Premier League quest’anno, le ho seguite tutte. Sarebbe bello che un giornale importante titolasse “De Gea, che portierone”, ma non lo faranno».

Due mesi fa, Tuttosport ha pubblicato una lista dei giocatori svincolati: una Top Ten c’erano due portieri, De Gea e Handanovic, in qualche maniera entrambi “emarginati” dai movimenti di Onana tra Italia e Inghilterra. Recentemente, sul suo profilo twitter, David si è limitato a festeggiare Halloween con l’emoji di un fantasma. Ma davvero si può non vedere più in campo uno come lui?