Lazio, ucciso lo storico capo ultrà degli Irriducibili “Diabolik”

lazio tifosi irriducibili
© foto www.imagephotoagency.it

Il Capo ultrà della Lazio con precedenti penali nel narcotraffico, è stato colpito alla testa in un agguato in pieno giorno. La ricostruzione

Un omicidio che farà molto rumore e ha scosso il mondo del calcio. Questa sera è stato ucciso a Roma Fabrizio Piscitelli, detto “Diabolik“: molti precedenti per droga, una lunga militanza nella curva Nord del tifo laziale, come capo degli Irriducibili.

Piscitelli aveva anche tentato di scalare la società, con una campagna di intimidazione nei confronti del presidente Claudio Lotito. E’ stata una esecuzione: gli hanno sparato in un orecchio, il sinistro, alle spalle, in via Lemonia 273, nel Parco degli Acquedotti, dove abitava.