Connettiti con noi

Calcio italiano

Moratti: «Scudetto? L’Inter ha ritrovato il passo giusto. La Juve purtroppo è ancora in corsa»

Pubblicato

su

Moratti

Massimo Moratti, ex presidente dell’Inter, ha parlato ai microfoni di Rai Radio 1 nel programma Radio Anch’io Sport

Massimo Moratti, ex presidente dell’Inter, ha parlato ai microfoni di Rai Radio 1 nel programma Radio Anch’io Sport. Le sue dichiarazioni:

SERIE A – «Sarebbe più giusto e interessante far giocare le prime quattro in classifica alle stesso orario e giorno. L’Inter è virtualmente prima. Il campionato ogni domenica mette in pista qualcosa di nuovo per la vittoria dello scudetto, ma stavolta l’Inter sembra aver ritrovato il passo giusto».

MERCATO – «Dybala lo considero talmente forte che lo prenderei sempre. Un centravanti ne abbiamo bisogno. Non so se Lukaku ma comunque uno di riserva all’Inter serve».

COSTI CALCIO – «La situazione economica è stata messa in difficoltà dalla Pandemia e ora la Guerra. Vale per tutto e non solo per il calcio. Importante che lo sport vada avanti perché distrae dalla tensione che abbiamo tutti e dovuta al periodo». 

LAUTARO – «Gli manca la continuità. I mezzi per fare bene li ha. Speriamo che possa esprimersi al meglio in queste ultime partite. Dzeko meglio senza di lui? Correa è un ottimo giocatore, ma davanti i nerazzurri sono messi bene».

MILAN – «C’è da ringraziare Pioli per il lavoro che sta facendo. Ora è nel momento di stanca come l’ha avuto l’Inter nell’ultimo periodo. Bisogna vedere se avrà la forza di riprendersi».

JUVENTUS – «Purtroppo non è fuori dai giochi perché in un modo o nell’altro continua a vincere e bisogna stare attenti fino alla fine».

NUOVO SAN SIRO – «Entrare in questo vespaio non è la cosa più sana che ci sia. I problemi è normale ci siano soprattutto per la gente. Sesto San Giovanni è un’ottima zona, ma credo che San Siro sia tanto bello che io resterei lì. Ha una sua validità e un tifoso quando entra lì sente forza e passione degli anni d’oro delle due squadre». 

CALCIO ITALIANO – «Io credo molto nel tipo di allenamento. I ragazzi devono esprimersi liberamente e magari pensare un po’ meno alla tattica».

CASO PLUSVALENZE – «Non conosco bene la vicenda. Credo che non si finirà in un dramma ma semplici ammende. Le società e i dirigenti hanno sicuramente imparato la lezione». 

PERISIC – «Gli farei rinnovare il contratto perché è un giocatore importante per l’Inter».

NAPOLI – «La squadra di Spalletti si era espressa bene. Chiaro che giocando a Napoli si ritrova spesso in questa situazione, ma la Fiorentina sta giocando bene. Non me l’aspettavo la sconfitta ma resta sempre l’avversario per lo Scudetto, forse il più serio».