Moviola Juventus-Barcellona: rigore negato ai blaugrana

Moviola Juventus-Barcellona: rigore negato ai blaugrana
© foto www.imagephotoagency.it

Moviola Juventus-Barcellona: i casi e gli episodi del big match valido per l’andata dei quarti di Champions League, in cui l’arbitro è il polacco Marciniak . Le ultimissime notizie dallo Stadium

Ormai ci siamo la superfida tanto attesa tra Juventus e Barcellona è cominciata. I bianconeri vogliono rifarsi della finale persa a Berlino due anni fa, mentre i blaugrana cercheranno di superare anche la vecchia Signora dopo aver eliminato in maniera clamorosa il Psg sconfitto 6 a 1 al Cam Nou, dopo il 4 a 0 patito all’andata dai catalani. La partita sarà molto tesa fin dalle prime battute e vedrà opposte la miglior difesa della Champions contro il miglior attacco, per Szymon Marciniak, fischietto del match, non sarà semplice gestirla al meglio. Eventuali errori e episodi da moviola live.

Moviola Juventus-Barcellona: penalty non concesso agli ospiti

Nuovo episodio dubbio nel corso della sfida dello Juventus Stadium: Luis Suarez calcia e Giorgio Chiellini colpisce la sfera con la mano. Marciniak sbaglia a non sanzionare, con un calcio di rigore, il braccio alto del difensore bianconero.

Moviola Juventus-Barcellona: annullato goal ai catalani

Minuto 20′, l’arbitro Marciniak annulla un goal al Barcellona, non è chiaro se per fuorigioco o per un fallo di Messi su Khedira che in realtà non c’è assolutamente. Mentre il fuorigioco di Suarez sul tocco dell’argentino sembra esserci.

Dirige la gara dello Stadium il fischietto polacco Szymon Marciniak: un precedente stagionale a testa per quanto riguarda Juventus e Barcellona. Felice per i bianconeri, quando si imposero con il risultato di 0-1 sul campo del Lione nel pieno della fase a gironi. Assolutamente meno propizio per i catalani: Marciniak è stato infatti l’arbitro del 4-0 con cui il Psg aveva spazzato via il Barcellona nella gara d’andata degli ottavi di finale. Buon per Luis Enrique poi che la storica impresa della sfida di ritorno abbia cancellato gli effetti negativi di quella clamorosa disfatta. Il polacco ha diretto 5 gare nell’attuale edizione della Champions League, estraendo 19 cartellini gialli: alla media dunque di neanche 4 ammonizioni a partita.