Sampdoria, vulcano Ferrero: «Le vinciamo tutte, amo i tifosi. Sabatini chi?» – VIDEO

Sampdoria, il presidente Ferrero intervistato durante la presentazione della partita per le aziende danneggiate dal crollo del Ponte Morandi

Sampdoria e Genoa disputeranno una partita i 27 maggio, per raccogliere fondi da destinare alle aziende danneggiate dopo il crollo del Ponte Morandi, lo scorso 14 agosto. Oggi, alla presentazione di Facciamo squadra per Genova è intervenuto anche il presidente blucerchiato Massimo Ferrero, toccando parecchi punti.

Prima l’elogio alla città di Genova: «Io sono qui da cinque anni, ed ho visto in ogni situazione non bella la città era pronta subito a rialzarsi. Genova caput mundi. Se le squadre di calcio, che sono il sale della vita, possono fare qualcosa, io sono orgoglioso di rappresentarle». Il presidente glissa su Sabatini: «Sabatini chi? È un momento diverso, non ne voglio parlare».

Sulle ambizioni della Sampdoria in campionato: «Dobbiamo vincerle tutte, nulla è perduto. Se le vinciamo tutte, è ancora tutto possibile. Qui si parla di fare imprese e fatturato: se avessimo un introito maggiore potremmo acquistare campioni più importanti».

Il presidente Ferrero è orgoglioso del suo operato, ed elogia soprattutto il ruolo del tifoso: «Stiamo facendo bene. Abbiamo fatto abolire la tessera del tifoso, abbiamo raddoppiato il fatturato. Gravina sta facendo cambiamenti importanti. Dobbiamo riconquistare i tifosi: non dobbiamo parlare di loro sempre in maniera negativa. Senza tifosi non c’è partita, senza arbitro non c’è gara».