STATS – Copa Libertadores, il Palmeiras vince con un giocatore che piaceva al Monza
Connettiti con noi

Altri Campionati

STATS – Copa Libertadores, il Palmeiras vince con un giocatore che piaceva al Monza

Pubblicato

su

libertadores

Copa Libertadores, successo del Palmeiras sull’Atletico Mineiro con un ex obiettivo di mercato del Monza

Anche ieri, su Mola Tv, si è vista una tranche dell’andata degli ottavi di finale di Copa Libertadores, che andrà a chiudersi stanotte. Pochi i gol nelle tre gare disputare: Nacional-Boca Juniors è terminata a reti bianche; i colombiani del Pereira hanno sconfitto di misura gli ecuadoriani dell’Independiente del Valle; stesso risultato, ma con successo in trasferta, a favore del Palmeiras nel derby brasiliano giocato a Belo Horizonte contro l’Atletico Mineiro.
Non è stata una partita dai contenuti tecnici esaltanti. I padroni di casa stanno attraversando una crisi notevole e si sono presentati alla sfida con una striscia di 8 gare senza vittorie: la nuova gestione di Felipe Scolari non sta offrendo la sperata inversione di marcia. Anche contro il Palmeiras i bianconeri hanno creato poco. Tutte le poche occasioni sono nate da palle inattive. Opposto il comportamento degli attaccanti. Il capocannoniere della competizione Paulinho non si è proprio visto. Al contrario, l’eterno Hulk ha lottato fino all’ultimo, tentando più volte anche di calciare da distanze chilometriche.
Per ottenere la vittoria il Palmeiras non ha dovuto fare tantissimo. Il Verdao ha un’arma in Raphael Veiga, trequartista bravo a farsi trovare tra le linee. Di lui si era parlato l’anno scorso per il possibile approdo in Europa, le destinazioni sembravano due – Galatasaray e Monza – ed è certamente un giocatore interessante, non a caso ha tra i suoi massimi estimatori niente meno che Zico. Poco prima della mezzora ha colpito con un sinistro al volo da una respinta, un vero e proprio slice indirizzato all’angolino. Poi c’è stato poco altro, giusto un palo colpito all’ultimo minuto su svirgolata di Battaglia: lo 0-2 avrebbe chiuso il discorso qualificazione, per quello che si è visto nei 90 minuti.

[footdata_sportreview matchid=”f1s9fhign5thw9gf8te04whsk” src=”//calcionews24.footdata.com/snippet/match-tab?matchId=9jvqiegukv50lqxycoyw5qp04&displayTitle=0&displayHeader=1&panel=stats” width=”600″ frameborder=”0″]

I numeri dicono di una gara dura, con 30 falli. Tanti in assoluto, pochissimi paragonandoli ai 47 che c’erano stati nell’incontro di campionato, terminato 1-1con i gol di Pavon e Dudu, ieri non particolarmente attivi. L’Atletico ha vinto molti più dribbling degli avversari, che come capita quasi sempre, non sembrano avere vogli di esprimere tutta la qualità che hanno. Il Palmeiras sa di essere superiore e si accontenta: in Libertadores non ha pagato dazio a questo atteggiamento e ha proseguito un momento favorevole con la terza vittoria di fila. Tra sette giorni il match di ritorno.