Vitalie Damascan, ecco chi è la scommessa da vincere per il Toro di Mazzarri

Vitalie Damascan, ecco chi è la scommessa da vincere per il Toro di Mazzarri
© foto www.imagephotoagency.it

Dalla Moldavia con furore: il giovane attaccante Vitalie Damascan è pronto a stupire tutti nel Torino di Mazzarri

Il giovane attaccante moldavo, Vitalie Damascan, è pronto per il grande salto nel calcio italiano. Il neo-acquisto del Torino, squadra che l’aveva già bloccato nell’ultima sessione invernale di calciomercato, è arrivato nel capoluogo piemontese lo scorso 17 luglio firmando con i granata un contratto di 3,5 anni con un’opzione di estensione. 

Damascan, prima di passare al Toro, ha trascorso tre stagioni nel suo paese, la Moldavia, dove ha messo a segno grandi numeri tra il Zimbru Chisinau e lo Sheriff Tiraspol. Infatti, nella massima divisione moldava, la Divizia Nationala, sono arrivate per Damascan 43 presenze, 23 reti e 9 assist in totale. Ma non è tutto; il giovane classe ’99 conta anche 9 presenze tra Europa League e qualificazioni all’Europa e alla Champions League. 19 presenze e 4 gol sono inoltre i numeri fatti registrare da Damascan nella Nazionale moldava a partire dal 2015, anno in cui militava nell’Under 17. 

Gol, assist, esperienza internazionale e giovane età: un mix di numeri impressionanti che hanno convinto la dirigenza granata a puntare sulla stellina del calcio moldavo. Nel precampionato di Bormio, Damascan ha potuto mettersi in mostra agli occhi di mister Mazzarri che l’ha valutato con attenzione e l’ha impiegato nell’amichevole contro il Renate. E proprio in quell’occasione, lo scorso 22 luglio, il giovane moldavo non solo ha fatto vedere buone cose, ma ha anche siglato la sua prima rete in granata. 

Per l’attaccante si apre ora una stagione scoppiettante che lo terrà impegnato sia nella Primavera di Coppitelli e sia nella prima squadra di Mazzarri. Infatti, il tecnico toscano, l’ha già convocato in occasione della prima e della terza giornata di campionato, rispettivamente contro Roma e Spal. Che siano queste le avvisaglie di un possibile futuro debutto in Serie A a fianco di Belotti?

ANAGRAFICA

Nome e Cognome: Vitalie Damascan
Data di nascita: 24 gennaio 1999
Club: Torino
Nazionalità: Moldavia 

RUOLO E CARATTERISTICHE TECNICHE 

Ruolo naturale: Attaccante
Ruolo alternativo: Punta centrale
Ruolo potenziale: /
Piede: Destro 

Punti di forza: Vitalie Damascan è un centravanti puro, un attaccante dal grande senso del gol. E’ potenzialmente completo: dotato di buona velocità, dribbling ed intelligenza tattica, ha una buona capacità nel gioco aereo pur non essendo altissimo (180 cm). Egli sa leggere l’azione in anticipo rispetto agli avversari e si fa trovare al posto giusto nel momento giusto in area di rigore. Può giocare come prima punta nel 4-3-3, ma anche insieme ad un’altra punta nel 3-5-2 di Mazzarri. Al suo arrivo a Torino, Urbano Cairo si è espresso con queste parole: «Vitalie Damașcan è una punta centrale di movimento: sa spaziare su tutto il fronte offensivo per proporsi in fase di finalizzazione e per mettersi a disposizione della squadra come punto di riferimento». 

Punti deboli: Nonostante i grandi numeri fatti registrare nel campionato moldavo, Damascan deve ancora migliorare nel calciare col piede sinistro, nel dribbling e nei tempi di inserimento. Altra pecca è quella di voler cercare il pallone a tutti i cosi ritrovandosi così a 40-50 metri dalla porta. Deve quindi imparare a stare vicino la linea difensiva e a cercare gli spazi per infilarsi con grande velocità; sua caratteristica chiave.  

POTENZIALE

Campionato ideale: La Serie A e in generale il campionato italiano, paiono essere un ottimo punto di partenza per crescere e farsi conoscere agli alti livelli. Il campionato moldavo non è di certo il massimo per migliorare le proprie potenzialità data la poca qualità dei giocatori in campo. Certo è che le 23 reti in 43 partite sono numeri da non sottovalutare anche in campionato come la Divizia Nationala. Così come non è da sottovalutare il titolo di capocannoniere della Serie A moldava vinto dal giovane camioncino di Soroca a soli 18 anni. Un buon punto di partenza per Damascan che, nella Primavera del Torino e chissà forse anche in prima squadra, potrà sicuramente migliorare le già buone qualità. 

Chi ci ricorda: Per il grande senso del gol, nonché per il fatto di essere sempre generoso con i suoi compagni di squadra, Damascan ricorda per certi versi il centravanti della Nazionale italiana e del Torino, Andrea Belotti. Le somiglianze non si fermano solo al peso e all’altezza (181×72 per Belotti, 180×74 per Damascan), ma si riscontrano anche nel piede preferito: il destro per entrambi.  Inoltre, così come il Gallo, anche il giovane moldavo è propenso alla lotta senza palla ed è molto utile nella fase difensiva.  

Dove può arrivare: E’ difficile e prematuro pronosticare il futuro di Damascan. Molto dipende dalla stagione appena iniziata al Torino e dalle sue prestazioni nella Primavera granata. I numeri sono dalla sua parte così come le buone impressioni nel precampionato del Toro. Se riuscirà a confermare le premesse, per il moldavo potranno aprirsi porte importanti al Torino e non solo. Inoltre, nel club piemontese, Damascan potrà imparare da Walter Mazzarri, un allenatore in grado di ottenere il meglio dai suoi attaccanti e di farli crescere sotto tutti i punti di vista.

SEGNI PARTICOLARI

Vitalie Damascan è nato a Soroca, in Moldavia, il 24 gennaio del 1999. Innamorato del pallone fin da piccolo, ha trascorso l’infanzia nelle giovanili del Zimbru Chisinau prima di passare allo Sheriff Tiraspol nel gennaio del 2017. Allo Sheriff, Damascan ha messo in luce le qualità diventando titolare inamovibile e vincendo il campionato con i suoi 13 gol in 17 partite. In totale saranno 22 le reti segnate nel club più titolato della Moldavia, realizzate in 33 partite.

Questi numeri hanno impressionato diverse squadre europee e italiane tra cui il Torino e il Palermo. A spuntarla sono stati però i granata del Ds Petrachi che, nel gennaio 2018, si sono assicurati il talento moldavo per il mercato estivo. Perciò, dopo l’ufficializzazione del 17 luglio, il neo acquisto del Torino ha svolto il precampionato con Mazzarri a Bormio. In questo frangente, il tecnico del Torino ha potuto valutarlo in diverse occasioni tra cui l’amichevole contro il Renate, dove ha ben impressionato. 

Tuttavia, data la sua ancora giovane età e il poco spazio nel reparto avanzato del Torino, la dirigenza granata ha deciso di aggregare Damascan alla Primavera di Coppitelli. Il tecnico della Primavera ha commentato così l’arrivo del moldavo: «Non so se potrà già essere utile alla Prima squadra, certamente lo è a noi. Sono contento per lo spirito che ha mostrato». Dunque ottime parole per il giovane talento di Soroca che cercherà di ritagliarsi uno spazio importante nel campionato italiano appena iniziato.

Vitalie Damascan – Attaccante  – Torino – VIDEO