Avellino, il saluto di Labriola

© foto www.imagephotoagency.it

Claudio Labriola e l’Avellino si sono detti addio in modo consensuale, indolore.

Ai microfoni di Tuttoavellino.it il difensore salernitano si è così congedato dall’ambiente irpino: “Per un calciatore (perlomeno per me) hanno sempre avuto grande importanza le qualità umane, che la gente sa riconoscerti se tu fai il tuo lavoro seriamente, nel rispetto dei tifosi, della Società e del Mister, della storia della città in cui giochi e dando sempre tutto te stesso. Rispettando di certo anche chi ( come te e pochi altri) offre egregiamente e professionalmente il proprio lavoro di informazione in maniera corretta. A me resterà di quest’anno vissuto con la maglia biancoverde il grande Onore di aver dato il mio apporto nel momento in cui l’Avellino otteneva il suo filotto di risultati utili, portando a casa anche le trasferte di Viareggio e Pavia. Ed e’ stato e sara’ sempre un motivo di grande orgoglio aver giocato al Partenio-Lombardi! A tal proposito, permettimi di ringraziare, attraverso te, la Società A.S. Avellino e tutte le Persone che le appartengono, per avermi dato questa importante possibilità, Sono grato, logicamente, a mister Bucaro che mi ha aiutato a farmi crescere, ed al quale va la mia stima incondizionata. E non posso non ringraziare i miei compagni di squadra che si sono rivelate persone speciali. Nel calcio come nella vita bisogna essere sempre uomini ed io oggi vado ad affrontare una nuova esperienza di vita a testa alta, senza rimpianti e senza polemiche. Avellino resterà sempre il mio nido! Un abbraccio grande soprattutto alla gente che ha fatto sacrifici per sostenerci e che ogni domenica era allo stadio. La grande tifoseria dell’Avellino e’ la vera, solida, base  da cui dovranno ripartire i Lupi. Ai quali auguro, di vero cuore, di ottenere nella prossima stagione il traguardo e l’obiettivo desiderato”.