Baselli spinge il Toro: «Voglio ripagare l’affetto dei tifosi»

Baselli spinge il Toro: «Voglio ripagare l’affetto dei tifosi»
© foto www.imagephotoagency.it

Daniele Baselli vuole portare il Toro in alto: «Abbiamo fatto meno di quello che ci si aspettava. Contro la Spal è come una finale»

«Il presidente Cairo ha fatto tanto quest’estate per provare a mandarci in Europa. Ora noi dobbiamo farcela: siamo una grande squadra e ce la metteremo tutta per arrivarci, anche per far sognare i tifosi granata che se lo meritano». Punta in alto Daniele Baselli, più che mai protagonista nel Torino che ha conquistato i quarti di finale di Coppa Italia battendo a sorpresa la Roma. Ora ci sarà il derby con la Juve nella strada che porta al titolo. In campionato, intanto, la squadra di Mihajlovic sfiderà la Spal a Ferrara domani alle 15 per provare a invertire la tendenza dopo la sconfitta contro il Napoli.

RISCATTO – In Coppa si è visto un ottimo Toro, ma Baselli prova a spiegare perché in A manca ancora di continuità nei risultati: «Ci aspettavamo qualcosa in più. Abbiamo perso tanti punti contro squadre alla nostra portata. C’è stato un ciclo di partite difficili, dove abbiamo raccolto troppi pareggi. La vittoria con la Lazio è stata importante per il morale, peccato che subito dopo sia arrivato il Napoli e una sconfitta che ci ha tagliato un po’ le gambe. Ora vogliamo fare cinque gare alla grande». In estate è arrivato il rinnovo nonostante non mancassero delle pretendenti importanti…: «Insieme al mio agente, ho scelto di legarmi a lungo al Toro perché il club ha puntato su di me tre anni fa da giovanissimo. Gli devo tanto e sono cresciuto con questa maglia. Volevo ripagare così la società, con una stagione di alto livello. Voglio fare qualcosa di grande con questa maglia, qui sono trattato da top player».

FUTURO E AZZURRO – E se bussasse una big? «Fare bene qui può essere un trampolino di lancio, ma adesso penso a portare il Toro più in alto possibile». L’Italia fuori dal Mondiale aprirà un nuovo ciclo, magari con Baselli…: «Mi spiace molto per la Nazionale. Ho visto il rammarico di Belotti, che voleva fare qualcosa di importante e non ci è riuscito. Sentiva la responsabilità per la mancata qualificazione. Adesso sta bene e lo sta dimostrando in campo: sono felice per lui. Sono convinto che se continuo con questo rendimento potrò anch’io conquistare una convocazione. Tutto passa dalle prestazioni in campo». Domani la trasferta contro la neo-promossa Spal. Baselli dice la sua a “La Gazzetta dello Sport”: «La viviamo come fosse una finale. Non possiamo permetterci di sbagliare queste gare, ma non prendiamo sotto gamba nessuno. È vero, la Spal non è in un grande momento di forma, a noi però non interessa. Dobbiamo sempre fare il massimo per portare a casa i tre punti».