Boniek elogia Piatek: «È un vero pistolero. La velocità d’esecuzione è il suo punto forte»

Boniek elogia Piatek: «È un vero pistolero. La velocità d’esecuzione è il suo punto forte»
© foto www.imagephotoagency.it

Boniek torna a parlare di Piatek: «Viaggia ad una frazione di secondo più veloce del suo avversario. Questo è quello che deve essere per essere un buon Pistolero»

In un’intervista rilasciata per Przegląd SportowyBoniek è tornato a parlare di Piatek, suo connazionale e nuovo acquisto del Milan. Dopo le parole di elogio di inizio anno, l’attuale presidente della Federcalcio polacca si è espresso così sul Pistolero: «Con il tempo ha acquisito ciò che è più importante per un Pistolero, cioè la velocità dell’esecuzione. Ricarica istantaneamente la pistola e preme il grilletto. La velocità è uno degli elementi più difficili da migliorare. Molto dipende dal lavoro, ma anche dalla genetica. Ha un ottimo tempo di reazione. Funziona in un batter d’occhio, non riflette, non analizza, ma prende le giuste decisioni. Questo è quello che deve essere, cioè una frazione di secondo più veloce del suo avversario». 

L’ex pallone d’oro ha poi fatto riferimento all’ultima partita di campionato, vinta dal Milan proprio grazie alla doppietta di Piatek: «Gli ultimi due gol con l’Atalanta sono stati un misto di istinto, concentrazione, velocità e forza. Il primo gol di Bergamo? Con questo colpo ha mostrato l’istinto omicida, che ha sempre avuto. Il primo gol oscura l’altro, ma anche quello di testa è stato fantastico: uno spettacolo di forza, flessibilità, tempismo, riflessi, coordinazione. Circondato da così tanti avversari era molto difficile». Il nuovo bomber rossonero continua così a ricevere elogi. A quanto pare ha fatto presto a far dimenticare Gonzalo Higuain.