Calcioscommesse, Platini: “Radiato chi falsa le partite”

© foto www.imagephotoagency.it

Ã?«Se qualcuno ha scommesso o truccato partite non ha diritto di restare nel calcio: sia tolleranza zeroÃ?» . Niente pietà  per Michel Platini, a pranzo con il presidente Figc Giancarlo Abete durante l’Esecutivo Uefa: anche per chiarire il senso di una frase (Ã?«sapevo delle scommesse da anniÃ?» ) non riferita all’Italia, ma che ha irritato il presidente del Coni, Gianni Petrucci. Ã?«Parlavo di tutta l’Europa, di situazioni sulle quali indaghiamo e per le quali abbiamo bisogno di federazioni, governi e polizia. Ci sono di mezzo criminalità  e riciclaggioÃ?» . Tolleranza zero La Ã?«zero toleranceÃ?» , per Platini, non è una frase a effetto: Ã?«La chiedo da anni, non solo per scommesse e partite truccate. à? in gioco la sopravvivenza del calcio: i giocatori devono rendersene conto. Forse combattere razzismo o violenza negli stadi è più difficile, perchè dovrei piazzare un agente dietro ogni tifoso: impossibile. Ma, se il calcio non è più credibile, muore. Solo i calciatori possono salvarloÃ?» . Fair play Niente di nuovo, se Platini arrivò in Italia nel 1982, poco dopo il primo Ã?«calcioscommesseÃ?» . Ã?«Si chiamava totonero, mi sembra. Quando giocavo da voi non ho mai avuto il sospetto che succedesse qualcosa del genere. Al massimo avrebbero potuto scommettere sul fatto che sarei stato capocannoniere (per tre anni di fila, ndr)…Ã?» . O sul fatto che i prezzi per i giocatori sarebbero aumentati a dismisura: anche quest’anno, tra Sanchez, Neymar, Tevez e Pastore, sono fantastiliardi. Solo che siamo nel fair play finanziario: Ã?«E non si torna indietro, i club l’hanno voluto con noi. I deficit in Europa erano troppo alti. L’ultimo calcio mercato? Se hanno i soldi, no problem. Se non li hanno…Ã?» . Juve difficile Platini ha parlato anche di proprietari di club stranieri (Ã?«Non li amo, ma sono i parlamenti che possono impedirli o menoÃ?») Ã?» ) e della nuova Juve. Ã?«Sono diventato presidente altri quattro anni per avere la possibilità  di non premiare solo Milan e Inter, ma anche la Juve “? ha scherzato a Raisport “?. Non conosco Conte, ma la squadra deve rimettersi in corsa. Certo ci sono stati molti problemi, avendo perso grandi giocatori. In questi casi è più facile distruggere che costruireÃ?» .

Fonte: La Gazzetta dello Sport