Connettiti con noi

Calcio italiano

Capello: «Attenzione a questa Juve. Balotelli? Mi fido di Mancini»

Pubblicato

su

Capello

Fabio Capello ha parlato ai microfoni di Radio Anch’io Sport su Rai Radio 1. Le sue parole su Milan Juventus

Fabio Capello, ospite a Rai Radio 1 nel programma Radio Anch’io Sport, ha parlato della sfida Milan Juventus. Le sue parole:

MILAN-JUVENTUS – «Il terreno ha portato difficoltà. Ho visto una crescita della Juventus come squadra. Dybala ha giocato bene e con voglia cosa che non vedo da molto. Il Milan si è basato solo su Leao. Erano in affanno nel gioco e si è cercato sempre di entrare centralmente pur avendo davanti uno come Giroud. Direi che ho visto meglio la Juve rispetto al Milan».

JUVENTUS – «Da un po’ di tempo la Juventus è squadra. Tutti si aiutano e tutti soffrono, sono basi su cui si può puntare e poter raggiungere gli avversari che sono davanti. Finalmente si vede il lavoro di Allegri. Con questa mentalità diventa difficile per tutti».

IBRA – «Io credo che dentro al suo fisico nessuno può capire quali siano le condizioni. Solo lui può capire se andare avanti o meno. C’è tempo, lui è molto orgoglioso e sa quando dovrà smettere. Per il rinnovo aspetterei».

ATTACCO MILAN – «E’ un problema, Ibra fa paura agli avversari e senza di lui il Milan fa fatica a segnare. Serve un punto di riferimento e quando non c’è lui i rossoneri in campo perdono qualcosa».

VLAHOVIC – «E’ l’uomo giusto per adesso e per il futuro. Un giocatore che ha tutto, crea problemi agli avversari. Se la Juve decide di puntare su di lui fa un’ottima scelta».

BALOTELLI – «Mancini lo aveva chiamato al Manchester City, lo aveva all’inter è una decisione che prende il Ct e di cui io ho molto fiducia. Abbiamo bisogno di calciatori che diano il 110%. Ha qualità e può fare la differenza ma tutto dipende da come si presenterà. Mi piace molto anche Joao Pedro del Cagliari».

RAZZISMO – «Ho conosciuto Thuram e lui è sempre stato che ha preso in considerazione questo fatto. E’ diventato un leader del razzismo, lo vuole combattere e lo sta facendo con tutte le armi possibili. E’ un esempio da seguire».

COVID – «Cerchiamo di portarlo alla fine. Ci sarà qualcuno penalizzato e qualcuno favorito, ma purtroppo non si può fare altro. Un campionato che va accettato».

INTER – «Una squadra forte e che ha creato questo nuovo ciclo. Movimenti consolidati e davanti ha tante alternative. Si vede attenzione e voglia di fare, va dato merito ad Inzaghi. Credo che possa mettere a posto la classifica in queste partite prima del ciclo di ferro. Nelle coppe europee vedremo se sarà competitiva».

NAPOLI – «Il Napoli è la squadra competitiva e quando recupererà tutti potrà lottare per il vertice. Ha pagato soprattutto l’assenza di Osihmen».

INSIGNE – «Ad un’offerta del genere era difficile dire di no. E’ la scelta più economica che sportiva e sarà un problema per Mancini».

MOURINHO – «Conosco le difficoltà della Roma. Lui ha provato a proporre qualcosa di diverso. Si vedono i primi frutti del suo lavoro adesso. Più aggressiva, più velocità e più determinata. Può dar fastidio, non per vincere lo scudetto».