Connettiti con noi

News

Croazia Argentina: Messi vs tutti (e le altre sfide)

Pubblicato

su

Un’analisi della sfida tra Croazia e Argentina valida per la semifinale del Mondiale 2022 in Qatar. I dettagli

Croazia-Argentina si è già giocata 4 anni fa in Russia e hanno vinto gli europei per 3-0. Alla semifinale di domani arrivano con due passaggi del turno ai rigori: la Croazia contro il Brasile, l’Argentina con l’Olanda. Con una differenza di non poco conto: la formazione di Dalic si è trovata in svantaggio ed è riuscita a rimontare, quella di Scaloni al contrario stava dilapidando un doppio vantaggio. Proviamo a definire attraverso i numeri maturati fin qui 5 possibili sfide della partita, che sono 5 motivi d’identità delle due semifinaliste.

GOL FATTI: MESSI VS KRAMARIC – La Pulce ha l’occasione di scalare la classifica cannonieri. Ne ha già realizzati 4, a una lunghezza di distanza c’è Mbappé. In più gliene basterebbe uno per staccare Batistuta e diventare l’argentino con più reti nella competizione del Mondiale. Quando Kramaric ha segnato la doppietta con il Canada si è letto su una pagella: «La Croazia può togliere i cartelli “wanted – cercasi punta”». Un ottimismo esagerato, davanti ci sono molti limiti e l’attaccante dell’Hoffenheim non si più ripetuto.

DRIBBLING: MESSI VS KOVACIC – Ancora il fuoriclasse del Psg contro la stella della Croazia, ispirato e mobile come non mai. Sul totale dei dribbling della squadra, l’argentino è ben oltre la metà (57%), il croato è sotto (42%). Traducendo, Messi ne fa 5,6 a gara, Kovacic “solo” 2: si tratta di vedere quali saranno decisivi.

DUELLI DIFENSIVI VINTI: OTAMENDI VS KOVACIC – Qui emerge un fattore notevole di differenza: dove nell’Argentina prevale un centrale di difesa, nella Croazia è un intero a recuperare palloni, con la qualità che consegue nel rilanciare poi l’azione.

PASSAGGI RIUSCITI: OTAMENDI VS BROZOVIC – Anche in sede di costruzione si coglie la differenza delle due squadre. L’Argentina non possiede un vero metronomo, mentre Brozovic lo è per definizione.

PARATE: MARTINEZ VS LIVAKOVICEroi dei rigori entrambi, sono in realtà agli antipodi. L’argentino ha lavorato pochissimo, 2 soli interventi e un po’ di gare dove ha incassato gol senza di fatto essere chiamato in causa in altre situazioni. Al contrario, il croato ha effettuato 20 parate, 10 volte tanto rispetto al rivale!

News

video