Di Francesco, dal rinnovo con la Roma a possibile erede di Allegri: il retroscena

Iscriviti
di francesco roma
© foto www.imagephotoagency.it

Eusebio Di Francesco ha conquistato tutti nel suo primo anno giallorosso, tanto da meritarsi la fiducia incondizionata della società. Ma il suo futuro sarebbe potuto essere a tinte bianconere

Quando fu ingaggiato dalla Roma per succedere a Luciano Spalletti, molti storsero il naso. Affidare la panchina giallorossa ad un allenatore alla prima esperienza in una big pareva un azzardo, nonostante gli ottimi risultati raggiunti con il Sassuolo. Eusebio Di Francesco, invece, ha impiegato meno di un anno per convincere tutti. Tifosi e non. Una finale di Champions League sfiorata, la rimonta sul Barcellona e adesso la volontà di chiudere i discorsi per un importantissimo terzo posto. Di Francesco ha conquistato tutti, tanto da guadagnarsi il rinnovo sul contratto che sarà ufficializzato dopo la fine del campionato.

Prima di diventare l’allenatore della Roma però, Di Francesco era in cima ai papabili successori di Allegri qualora l’attuale tecnico bianconero fosse andato via. Dopo la finale di Cardiff si è fatta molto seria la probabilità di vedere un cambio in panchina in casa Juve come confermò lo stesso Allegri negli istanti successivi alla rovinosa finale. Di Francesco è stato seguito per mesi e sondato, molto apprezzato per qualità del gioco e capacità di reggere il gruppo da artefice del miracolo Sassuolo. La permanenza di Allegri ha fermato questa opportunità, ma oggi la Juve poteva essere davvero allenata da Di Francesco. Sliding Doors bianconere. La Juventus infatti in caso di successo contro la Roma domenica prossima potrà festeggiare il suo settimo scudetto consecutivo.