«Una grande dichiarazione»: la FIFA introduce misure importanti
Connettiti con noi

Calcio Femminile

«Una grande dichiarazione»: la FIFA introduce misure per proteggere ulteriormente giocatrici e allenatrici

Pubblicato

su

Italia-Argentina

La FIFA introduce misure per proteggere giocatrici e allenatrici, tutelando il calcio femminile in vista della prossima stagione

Le giocatrici e gli allenatori devono ricevere ulteriori tutele per il loro benessere. Jill Ellis ha detto che le donne non dovrebbero destreggiarsi tra carriera e figli. Tutele approvate all’unanimità dal Consiglio FIFA.

Jill Ellis parla per esperienza personale quando parla di proteggere il benessere delle giocatrici e degli allenatori. La due volte vincitrice della FIFA Women’s World Cup™ ricorda di aver provato ad allenare una squadra universitaria dopo aver adottato la figlia di tre mesi e le difficoltà nel cercare di destreggiarsi tra i due ruoli.

“Una carriera non dovrebbe essere esclusiva dell’essere mamma o crescere un figlio, dovrebbe essere inclusiva”, ha detto. “Se non avessi avuto supporto intorno a me, non avrei avuto la capacità di farlo e mantenere la mia carriera. “La FIFA, tuttavia, ha ascoltato le preoccupazioni delle donne nel calcio e, a seguito di discussioni approfondite con le principali parti interessate e di una precedente serie di riforme fondamentali, si è mossa per proteggere ulteriormente il loro benessere implementando modifiche ai regolamenti sullo status e Trasferimento dei Giocatori (RSTP) che entrerà in vigore il 1° giugno 2024.

Approvate dal Consiglio FIFA nel maggio 2024, queste modifiche estenderanno i diritti e le tutele ai genitori adottivi e alle madri non biologiche. Riconosceranno inoltre le dimensioni fisiche, psicologiche e sociali in caso di incapacità di fornire servizi di lavoro a causa di mestruazioni gravi o complicazioni mediche legate alla gravidanza, e le federazioni affiliate saranno incoraggiate a consentire alle giocatrici di avere contatti con le loro famiglie mentre in servizio internazionale.

“La FIFA è impegnata a implementare un quadro normativo dinamico che sia solido e adatto alle crescenti esigenze delle giocatrici e degli allenatori”, ha affermato Emilio García Silvero, Chief Legal & Compliance Officer della FIFA. “Affinché il gioco possa prosperare ulteriormente, è assolutamente fondamentale avere un approccio olistico al benessere dei giocatori, compresi gli aspetti legali.”“In quanto organizzazione moderna, è dovere della FIFA ascoltare gli attori principali e adattare i propri regolamenti alle dinamiche sempre più complesse del calcio professionistico. Vorremmo ringraziare tutte le parti interessate che hanno contribuito alla stesura di queste solide normative e non vediamo l’ora di vederle implementate e influenzare positivamente la vita e la carriera delle donne nel calcio”.

Penso che sia una grande affermazione”, ha affermato Ellis, che ha guidato il gruppo di studio tecnico della FIFA alla Coppa del Mondo femminile FIFA 2023™ e ha allenato gli Stati Uniti alla conquista dei titoli della Coppa del Mondo femminile nel 2015 e nel 2019. normalizzare la vita che viviamo come donne… questo è ciò che vogliamo offrire ora a tutti i livelli, a livello di club, a livello di squadra nazionale – l’opportunità per i giocatori professionisti di avere la possibilità di essere mamme”.

Questi passaggi raggiungono punti importanti dell’obiettivo 2 degli obiettivi strategici della FIFA per il gioco globale: 2023-2027, che descrivono l’impegno dell’organizzazione nell’esplorazione e nell’implementazione di ulteriori tutele per il benessere dei giocatori e degli allenatori.Come Ellis, l’ex nazionale tedesca Fatmire Alushi – vincitrice della Coppa del Mondo femminile FIFA nel 2007 – ha esperienza diretta nel crescere figli mentre persegue una carriera calcistica. “Apprezzo molto il coinvolgimento della FIFA per proteggere le donne incinte in modo che possano sentirsi bene, godersi la gravidanza e ricevere supporto durante e dopo la gravidanza”, ha detto la madre di quattro figli.Dame Sarai Bareman, responsabile del calcio femminile della FIFA, ha affermato che le nuove misure riconoscono che i giocatori sono i principali stakeholder.

“Sono quelli che sono sul campo, che praticano questo sport, si allenano duramente ogni giorno, sacrificando davvero molto per intrattenere i tifosi e per offrire le bellissime partite che vediamo”, ha detto. Le misure riconoscono anche che le donne hanno caratteristiche biologiche diverse, ha affermato.

“Quando pratichi sport per vivere e in un ambiente professionale, dobbiamo tenere conto del fatto che il ciclo mestruale femminile può anche avere un impatto sulla tua capacità di svolgere il tuo ruolo. Quindi, è importante proteggere… coloro che sono colpiti dal loro ciclo mestruale in modo da non mettere a rischio la loro situazione lavorativa con il loro club e, in definitiva, la loro capacità di guadagnare denaro”.Bareman ha accolto con favore la mossa per incoraggiare maggiori contatti familiari per i giocatori della nazionale.

“In una Coppa del Mondo femminile FIFA, (una giocatrice) può potenzialmente stare lontana dalla sua famiglia per cinque o sei settimane… e questo può avere un grande impatto sul giocatore, mentalmente, ma anche sul bambino. “Quindi, incoraggiare le associazioni affiliate a provvedere o a consentire a madri e genitori di avere i bambini con sé durante il ritiro, durante il torneo, è un passo davvero importante che sosterrà non solo le giocatrici ma tutti i giocatori del nostro sport .”