Gravina sugli Europei del 2028: «Vorrei che li ospitasse l’Italia»

Gravina sugli Europei del 2028: «Vorrei che li ospitasse l’Italia»
© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente della Figc ha svelato i suoi progetti per Euro 2028: «Vorrei che la Uefa possa assecondare il nostro desiderio»

Il presidente della Figc Gabriele Gravina ha rilasciato un’intervista Sky Sport 24, in occasione dal quarantatreesimo congresso della UEFA a Roma: «I complimenti di Ceferin per la lotta al razzismo della FIGC? Devo ringraziarlo per i complimenti e per la condivisione di un percorso che stiamo tracciando da un po’ di tempo. Al di là delle critiche, siamo chiari sui nostri progetti. Con grandi sacrifici e abnegazione, andiamo sulla nostra strada per centrare un obiettivo importante. Quando arrivano i complimenti del numero uno del calcio europeo, non gratificano solo».

Sulla candidatura dell’Italia per Euro 2028: «Storicamente ho un grande rapporto di amicizia con Infantino, come uomo e professionista. Faremo di tutto affinché UEFA e FIFA portino avanti un progetto comune. Probabilmente troveremo una mediazione, è giusto così, qualcuno dovrà cedere qualcosa e qualcuno dovrà fare qualche passo avanti. L’Italia per Euro 2028? Non è solo un pensiero ma un’idea molto fondata, inserita nella mia piattaforma programmatica. Dobbiamo lavorarci insieme. Il progetto di Euro 2028 può dare all’Italia entusiasmo e uno spunto per migliorare e rilanciare il calcio italiano nelle sue infrastrutture. Ho apprezzato le dichiarazioni del sottosegretario Giorgetti: siamo in sintonia tra istituzioni, Coni e calcio italiano. Spero che anche l’altra massima istituzione calcistica, la UEFA, possa assecondare questo nostro desiderio importante».