Inter, Vecchi: «Zaniolo? Come Lampard e Gerrard». E su Icardi…

Inter, Vecchi: «Zaniolo? Come Lampard e Gerrard». E su Icardi…
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex allenatore della Primavera dell’Inter si sofferma sull’esplosione di Zaniolo e sulla questione Icardi. Ecco le parole del mister

L’ex allenatore della Primavera dell’Inter, Stefano Vecchi, ha rilasciato alcune dichiarazioni riguardanti il talento del momento: Nicolò Zaniolo. Il tecnico conosce bene il giovane trequartista, dato che lo aveva allenato lo scorso anno, quando i suoi ragazzi vinsero lo scudetto Primavera. Ecco le parole del mister sul gioiello della Roma: «Se era così forte? Come tanti ragazzi giovani che ho allenato si possono intuire le qualità. Chiaramente il fatto che avesse qualità tecniche e fisiche superiori alla norma, lo si vedeva anche lo scorso anno e lo dimostrava in campo con noi e con la nazionale. Lo scorso anno c’è stato un periodo che faceva gol in tutte le partite. La bravura di Zaniolo è quella di aver bruciato le tappe, tutti sapevano che era di un livello importante». 

La domanda sorge quindi spontanea: date le evidenti qualità del giovane, perché l’Inter l’ha regalato ai giallorossi? Ecco la risposta di Vecchi:«Si era allenato in prima squadra, era apprezzato dallo staff e da Spalletti. L’Inter aveva bisogno di giocatori pronti subito e il fatto di poter prendere Nainggolan è stata la chiave. Generalmente l’Inter su tutti gli altri mette il diritto di recompra, in questo caso la Roma aveva visto bene già da subito». Sul ruolo del giocatore invece il tecnico si sbilancia, e non di poco:«Per me può diventare una mezzala sinistra di livello internazionale. Io lo paragonavo a Lampard o a Gerrard. Ma sa fare anche il trequartista, sa fare l’esterno destro come lo ha fatto ieri. È un giocatore completo».

Sul finale, mister Vecchi esprime la propria opinione circa la spinosa questione Icardi, ai ferri corti con la società e orfano della fascia da capitano, passata a Samir Handanovic dopo la decisione della dirigenza. Ecco cosa ne pensa il tecnico:«Non so cosa sia successo, ma per una presa di decisione di questo tipo deve essere successo qualcosa di importante. Per quello che ho vissuto io Icardi in quelle 5 gare che ho fatto in prima squadra, è sempre stato un ragazzo a modo, è uno che ci teneva alla maglia, ci teneva più di tutti a fare gol. Però è sempre stato ben voluto dalla squadra e dal gruppo. Non so cosa sia successo, però se devo dare un giudizio, Icardi è sempre stato benvoluto da tutti».