Italia femminile, Bertolini nasconde la formazione anti-Svezia. Deve risolvere il problema gol
Connettiti con noi

Azzurri

Italia femminile, Bertolini nasconde la formazione anti-Svezia. Deve risolvere il problema gol

Pubblicato

su

Bertolini

Italia femminile, Bertolini ringrazia Argentina e Sudafrica: l’undici anti-Svezia per raggiungere gli ottavi, o avvicinarli. Da risolvere il problema gol

Non ci sarà biscotto tra Svezia e Italia femminile, un pareggio non basterebbe per guadagnare l’aritmetico accesso agli ottavi… Però non sarebbe male alla luce del 2-2 tra Argentina e Sudafrica. Le Azzurre comunque non faranno calcoli e proveranno a giocarsela contro la terza forza del Ranking FIFA, in un match che le vede sfavorite sulla carta. Vincere, per entrambe le formazioni, significherebbe accesso diretto alla fase ad eliminazione diretta. «Sono una squadra completa, di grande fisicità e intensità fisica e tecnica. Hanno anche individualità importanti. Loro tengono i ritmi molto alti e noi dovremo essere brave a stare dentro a questo tipo di partita», ha spiegato Bertolini alla vigilia. Barbara Bonansea si è invece soffermata sulla poca prolificità dell’attacco azzurro: «Nelle ultime partite non abbiamo fatto goleade, però per me l’importante è vincere. Credo che non conta chi segni, per un attaccante è bellissimo segnare ma vincere è ancora più bello».

Sarà, ma intanto la ct ha lavorato come un ossesso in questi giorni sulla fase offensiva, provando tutto e il contrario di tutto per risolvere il problema del gol. L’idea è quella concretizzata nei minuti finali della gara con l’Argentina: Cantore dentro per Giacinti con Beccari centravanti. È un assetto che ha testato ma la rinuncia alla giallorossa è pesante e non semplice, deciderà all’ultimo. Girelli sarà ancora il jolly da tirare fuori dal mazzo a partita in corso. Solo che questa volta la coppia blindata Ilestedt-Eriksson renderà tutto più difficile. L’altro ballottaggio è a centrocampo dove Greggi parte un centimetro avanti a Dragoni. Non si tocca la difesa, con Durante ormai confermatissima tra i pali. Si punta a fare risultato sul campo e in tv: l’obiettivo è superare gli 861.000 telespettatori della gara d’esordio… Calcio d’inizio alle 09.30 al Regional Stadium di Wellington, la sveglia a ‘sto giro non è neanche troppo aggressiva.

Probabile formazione Italia (433): Durante; Di Guglielmo, Linari, Salvai, Boattin; Greggi, Giugliano, Caruso; Bonansea, Giacinti, Beccari