Allegri sfida il Barcellona: «Juventus, nessuna preoccupazione»

Allegri sfida il Barcellona: «Juventus, nessuna preoccupazione»
© foto Calcionews24

Vigilia di Juventus-Barcellona, andata dei quarti di finale di Champions League: ecco le parole ai microfoni di Premium Sport del tecnico bianconero Massimiliano Allegri

Intervistato da Premium Sport, Massimiliano Allegri ha parlato di Juventus-Barcellona, sfida in programma domani allo Juventus Stadium valida per l’andata dei quarti di finale di Champions League: «Non siamo assolutamente preoccupato. Abbiamo grande rispetto per il Barcellona ma siamo molto preparati. Se sarà fondamentale non prendere gol? Sarà importante non prenderlo in casa, ma dovremo anche farli: il Barcellona ha tanti gol nei piedi. Conterà tutto, dovremo essere bravi sia in difesa che in attacco, il passaggio del turno si gioca nei 180’. Mandzukic, Pjanic e Cuadrado dal 1’? Credo di sì, stanno tutti bene ed ho tutti a disposizione: sono pronti per giocare una bella partita. Asamoah o Alex Sandro? Devo ancora scegliere ma stanno tutti bene».

Juventus-Barcellona, le dichiarazioni in conferenza stampa di Massimiliano Allegri

Dopo Gianluigi Buffon, è il turno di Massimiliano Allegri in conferenza stampa per presentare Juventus-Barcellona, andata dei quarti di finale di Champions League in programma domani alle 20.45 allo Juventus Stadium: «Domani chi gioca in attacco? Tutti i quattro davanti. Sarà bellissimo, il Barcellona è sempre la squadra più forte, con i tre attaccanti che garantiscono sempre gol. Noi siamo cresciuti molto, la Juventus deve essere sempre abituata a giocare questo tipo di gare. La Juve non perde in casa da 4 anni? La prima partita in casa non bisogna prendere gol, anche se sarà difficile. Dovremo giocare sulle debolezze del Barcellona. Dybala come Messi? Da quando è arrivato alla Juve ha fatto passi da gigante, Messi è il numero uno al mondo. Cosa ho pensato dopo Barcellona-PSG? Ci ha insegnato che nel calcio non c’è niente di scontato. Pensiamo alla partita di domani e poi al ritorno, sono quarti di finali importanti come Real-Bayern, ne rimarranno due dopo. Saranno quattro gare dal grande spettacolo. Giochiamo con serenità e tecnica, oltre che con equilibrio in fase difensiva. I difetti del Barcellona? Lascia campo, con la palla diventano pericolosi. Servirà stare dentro la partita, solitamente lasciano un po’ di spazio. Atmosfera di domani sera? Tensione non eccessiva, squadra consapevole dei mezzi: queste gare si giocano anche a livello psicologico. Dobbiamo pensare di poter superare il turno, se no non andiamo avanti. Alex Sandro? E’ in dubbio con Asamoah, ma stanno tutti bene. Modulo del Barcellona? Cambia poco, che giochi a 4 o a 3: giocano con gli stessi da tanti anni, con una filosofia ben precisa». In chiusura un pensiero per Giuseppe Rossi: «Voglio fare un grosso in bocca al lupo a Giuseppe Rossi per l’ennesimo infortunio».