Il sistema Milan: ecco i debiti rossoneri

yonghong li milan
© foto Youtube

In casa rossonera si pensa all’extra campo e non al campo. Il Milan a caccia di nuovi soldi: ecco tutti i debiti rossoneri

Marco Fassone ha scritto una lettera a Yonghong Li per chiedere 37 milioni di euro e lavora in Inghilterra per il rifinanziamento del debito che ormai è arrivato a 383 milioni di euro e, secondo indiscrezioni fornite dal Sole 24 Orepunta a raccogliere 350-400 milioni di euro. Sia le azioni del Milan sia le quote della Rossoneri lussemburghese sono in pegno a Elliott. Le proprietà del patron fanno capo alla ossoneri Advanced Company Ltd. delle British Virgin Islands, un paradiso fiscale. Il Fondo Elliott può diventare il nuovo proprietario del club rossonero e cercherebbe un nuovo compratore.

I rossoneri interessano ad arabi e russi ma intanto i conti del Milan rimangono in rosso e i debiti sono in costante aumento. I ricavi, al 30 giugno 2017, sono inferiori, escluse le plusvalenze, di circa 16 milioni di euro rispetto a una anno prima. Il bilancio semestrale 2017 ha una perdita netta consolidata di 32,6 milioni e se si chiudesse un bilancio al 30 giugno scorso i rossoneri avrebbero una perdita a 73,3 milioni, la più alta del nostro calcio. I debiti tonali lordi dei rossoneri sono arrivati a 377,3 milioni, di cui 140 milioni di debiti finanziari netti. A questi vanno aggiunti i 180 milioni della Rossoneri Lux per un totale, per il sistema Milan pari a 557 milioni (lordi). Il nuovo Milan aveva promesso un aumento dei ricavi del 32% grazie ai soldi della Cina ma, fino a questo momento, sono arrivati pochi ricavi ‘cinesi’ per il club.