Nicola ritrova il Torino: «Gli affetti per il post-gara, prima viene l’Udinese»

Nicola ritrova il Torino: «Gli affetti per il post-gara, prima viene l’Udinese»
© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico dell’Udinese Davide Nicola affronterà domenica pomeriggio il Torino, squadra in cui ha militato da giocatore

L’Udinese continua la sua corsa contro le rivali nella lotta salvezza. I bianconeri occupano attualmente il sedicesimo posto in classifica generale, ma si trovano a soli due punti dal dal Bologna terzultimo. Il prossimo impegno, domenica pomeriggio in casa del Torino, sarà molto delicato anche per stabilire il futuro di Davide Nicola, che dopo essere subentrato a Velazquez ha conquistato solo due successi.

Nicola ritrova i granata da avversario, dopo avervi militato da giocatore nella stagione 2005-06. In un’intervista a La Stampa, il tecnico ha raccontato l’emozione nell’affrontare il Torino: «Quanto sarà dura amministrare le ragioni del cuore? Sono obbligato a tenermi tutto per il dopo partita, poi rivedrò vecchi amici. Prima conterà solo l’Udinese, dobbiamo far punti e cercare di mettere in difficoltà l’avversario. Negli ultimi tre anni la società non ha raccolto grandissimi risultati, ma la strada è sempre la stessa: scoprire nuovi talenti e valorizzarli. I Pozzo sono una famiglia di industriali competenti, capaci, con un marchio di fabbrica ben preciso».

E, tornando a parlare dei granata, Nicola ha aggiunto: «Non mi sembra che la squadra di Mazzarri sia in difficoltà visto dove è messa in classifica. La verità è che tutti faticano. È un torneo livellato verso il basso? A parte le prime due, non c’è il divario dell’anno scorso tra le squadre che lottano per Champions o Europa League: la prova è l’Atalanta. Poi, esistono altri 7-8 club il cui obiettivo è lasciarsene tre dietro. Tra questi, per ora anche noi».