Panchina Manchester United, caldi Allegri e Pochettino

Panchina Manchester United, caldi Allegri e Pochettino
© foto www.imagephotoagency.it

Solskjaer traghetterà il Manchester United fino a giugno, poi il nuovo tecnico: caldi Allegri e Pochettino, in corsa Simeone e Zidane.

Scelto ufficialmente Ole Gunnar Solskjaer come traghettore fino a giugno dopo le dimissioni di José Mourinho, il Manchester United ha scelto di rinviare di fatto alla prossima estate il nuovo progetto tecnico della squadra. L’idea dei Red Devils è quella di nominare entro la Primavera un nuovo Direttore sportivo, e che in seguito sia quest’ultimo ad avere un ruolo chiave nella scelta del nuovo tecnico. Panchina Manchester United: per il futuro sono due i nomi che più degli altri stuzzicano la dirigenza del club inglese, Mauricio Pochettino del Tottenham e Massimiliano Allegri della Juventus.

In pole position, secondo “Tuttosport” e “Il Corriere dello Sport”, c’è il manager degli Spurs. Arrivare all’allenatore argentino non si prospetta tuttavia semplice per i Red Devils: Pochettino è infatti blindato dai londinesi con un contratto fino al 2023, e non sarà facile strapparlo a un tipo tosto come Daniel Levy, presidente del Tottenham. Ecco che l’opzione Massimiliano Allegri è tutt’altro che da scartare, visto che l’allenatore livornese costituisce al momento la seconda scelta.

Anche nel suo caso però c’è da superare l’ostacolo di un contratto fino al 2020. Tuttavia l’idea di cimentarsi con un nuovo campionato come la Premier League, dopo i grandi successi con la Juventus, potrebbe stuzzicare l’allenatore bianconero, che pertanto potrebbe liberarsi con un anno d’anticipo dalla Vecchia Signore. Più defilati i nomi di Diego Pablo Simeone, che valuta una ricca offerta di rinnovo dell’Atletico Madrid, e Zinedine Zidane, libero dopo aver lasciato il Real Madrid in estate. Improbabile invece l’arrivo di Antonio Conte, che nel caso fosse stato scelto, avrebbe potuto essere ingaggiato da subito dai Red Devils.

RETROSCENA UNITED: I GIOCATORI FESTEGGIANO L’ADDIO DI MOURINHO