Barcellona, pieno supporto alla Catalogna

Barcellona, pieno supporto alla Catalogna
© foto www.imagephotoagency.it

Il Barcellona si unisce – seppur in ritardo – alle proteste in favore della Catalogna. Chiare le parole di Bartomeu: «Ci siamo presi un impegno»

Si diceva che alla fine non avrebbero giocato e invece il Barcellona si è regolarmente presentato in campo domenica pomeriggio al “Camp Nou” per sfidare il Las Palmas. Al di là del risultato finale (l’ultimo dei pensieri in casa blaugrana), “Il Corriere dello Sport” riporta come il club abbia finalmente deciso di schierarsi pienamente con la popolazione della Catalogna, dopo una settimana – quella precedente al referendum tenutosi recentemente – nella quale la società era stata ambigua sul da farsi. Le parole pronunciate dal presidente del Barcellona, Josep Maria Bartomeu, sono inequivocabili.

«INAMMISSIBILE» – Non è un periodo facile per Bartomeu. Nonostante i buoni risultati nella gestione Valverde, il presidente del Barcellona ha ricevuto una mozione di sfiducia e ora deve affrontare questo momento delicato. Eppure le parole del comunicato emesso dalla società blaugrana sono cristalline: «In un momento così trascendentale per la nostra storia, vogliamo comprometterci ancora di più per la libertà del nostro paese. Quel che è successo domenica è inammissibile: noi ci siamo guadagnati il diritto di esser ascoltati. Ci siamo presi un impegno con la Catalogna e siamo decisi a rispettarlo con fermezza. Viva il Barca e viva la Catalogna». Ora, però, c’è incertezza su cosa accadrà: tra la disponibilità di Piqué a ritirarsi dalla nazionale e le critiche dei quotidiani catalani riguardo la decisione di giocare la partita di domenica, il Barca ha intanto deciso di partecipare allo sciopero che oggi paralizzerà l’intera città.