Benatia e l’addio alla Juve: «Via perché Allegri ha cambiato le carte in tavola»

Benatia e l’addio alla Juve: «Via perché Allegri ha cambiato le carte in tavola»
© foto www.imagephotoagency.it

Medhi Benatia, difensore ex Juventus, ha parlato del suo addio ai bianconeri e del rapporto con Massimiliano Allegri

Torna a parlare Medhi Benatia. Il difensore della Juventus, protagonista di una lunga intervista su Sky Sport, ha detto la sua sulla sfida di ritorno tra Juve e Atletico Madrid: «L’Atletico Madrid è una squadra molto difficile da affrontare. Giocano poco e cercano di sfruttare i tuoi errori, cercano di sfruttare le palle inattive. La Juve poteva giocare molto meglio perché penso alla qualità della squadra, c’è Pjanic, Douglas Costa, Dybala, c’è una qualità incredibile. E’ chiaro che tu ti aspetti che fanno la partita ma c’è anche un avversario. La Juve non è finita ma penso che ha tutte le carte in regola per battere l’Atletico Madrid e per andare in finale dove, ho promesso, comprerò un biglietto e sarò lì per tifare Juve».

Benatia ha poi parlato del suo addio alla Juventus e del rapporto con Allegri: «A dicembre sono andato in vacanza a Dubai. Ho parlato con mia moglie e i miei figli mi chiedevano sempre: ‘Papà perché non giochi?’. La cosa mi bruciava dentro, non ero felice. Ero molto legato a tanti amici ma avrei voluto dare il mio contributo sul campo. Allegri? Quando è tornato Bonucci ho parlato con il mister che mi ha rassicurato dicendomi che aveva bisogno di me, che ero dei suoi centrale, che avrei trovato il mio spazio. Poi le cose sono cambiate, ma non c’è nessun problema fra me e lui. Gli auguro il meglio, è un bravo allenatore e capisce di calcio. Se è quello giusto per vincere la Champions? Spero di sì, ma non lo so, non mi permetto di dare giudizi».