Cile fuori dai Mondiali? La moglie di Bravo accusa: «Giocatori sbronzi» – FOTO

© foto www.imagephotoagency.it

Dopo la delusione per l’eliminazione del Cile, Carla Pardo, moglie del portiere Claudio Bravo, accusa i giocatori della nazionale di scarsa professionalità

Com’era lecito aspettarsi, con una nobile del calcio internazionale, com’è il Cile, fuori dai Mondiali, ecco le prime accuse. Dopo essere riuscita a vincere, per due anni consecutivi contro l’Argentina, la Copa America, la Roja, al nono posto del Ranking FIFA, non parteciperà ai Mondiali di Russia 2018. La sconfitta contro il Brasile ha innescato un processo mediatico, contro la squadra, di dimensioni “bibliche”.

A contribuire a rendere il clima, già di per sé complicato, ancor più acceso, ci ha pensato la moglie del portiere Claudio Bravo, di proprietà del Manchester City. Sul suo profilo Instagram, infatti, Carla Pardo ha pubblicato accusato i giocatori della squadra cilena di scarsa professionalità e impegno, durante le partite di qualificazione. Una mancanza di rispetto causata, dice la Pardo, da continue partecipazioni a “festini” che hanno impedito, addirittura, a molti giocatori di potersi allenare, a causa delle sbornie delle serate precedenti. Ecco il post:

Questa la traduzione: «Grazie alla mia selezione per tutti i bei momenti. Grazie al mio capitan America per tutto quello che ho vissuto. È stato davvero bello. Quando si indossa la maglia del Cile, però, bisogna farlo con professionalità. Lo so che la maggior parte dei giocatori si sono dati da fare, mentre gli altri andavano alle feste e inoltre non si allenavano a causa della sbronza della sera prima. A chi crede che queste parole siano riferite a lui, continui a piangere. Perché adesso un paese intero sta piangendo. Qui ti aspettiamo con le braccia aperte mio capitano».