Nicolas Schiappacasse, il ragazzo da 326 gol e nemmeno un paio di scarpe – CN24 racconta

CN24 racconta… Nicolas Schiappacasse, il ragazzo da 326 gol e nemmeno un paio di scarpe
© foto www.imagephotoagency.it

CN24 racconta… – La rubrica di CalcioNews24 vi porta alla scoperta di Nicolas Schiappacasse, il rinforzo del Parma da 326 gol e nemmeno un paio di scarpe

C’è un denominatore comune che accompagna ogni snodo nella vita – e di riflesso nella carriera – di Nicolas Schiappacasse. Un tratto distintivo che, inevitabilmente, rimanda alle umili origini di un ragazzo nato nella periferia di Montevideo, un giorno di metà gennaio del 1999. Perché, tutte le volte che il suo talento gli ha permesso di schiudere una nuova porta, lui stava inseguendo un pallone scalzo. Nel suo Uruguay, prima di spiccare il volo verso l’Europa: dall’Atletico Madrid al Parma, nuovo capitolo del suo incredibile romanzo.

Nicolas Schiappacasse, il talento di Montevideo senza scarpe

La prima volta è accaduta quando era un bambino prodigio del Cordòn de Montevideo, minuscola realtà di quartiere in cui grandi e piccini giocavano insieme perché non c’erano abbastanza tesserati per allestire più squadre. Un amico del papà lo vide all’opera mentre, con gli amici, dava del tu ad un pallone sgualcito sull’asfalto della strada, rigorosamente senza scarpe e con i piedi inevitabilmente sanguinanti. Lo segnalò all’Universal e il resto è storia di pallottolieri: 326 gol nel vivaio tra il 2004 ed il 2010. Anno del secondo snodo fondamentale, sempre senza scarpe: questa volta ad innamorarsi di lui è un giornalista, Alejandro Sanmartin, durante un torneo di beach soccer sulla spiaggia. Segnalazione al River Plate di Montevideo ed immediato ingaggio nel rinomato settore giovanile uruguagio.

Nicolas Schiappacasse, dai gol al Sudamericano Sub20 fino al Parma

Trampolino di lancio, per Schiappacasse, verso l’inevitabile esperienza europea. Inevitabile perché l’Atletico Madrid lo opziona già a 14 anni, salvo farlo atterrare nella capitale spagnola soltanto due stagioni più tardi per non trasgredire alle leggi che regolamentano il calciomercato giovanile. Lì viene subito schierato nella seconda squadra dei colchoneros, prima di un prestito al Rayo Majadahonda e ora all’accordo con il Parma per una nuova esperienza in Italia. Dove veder magari definitivamente sbocciare il suo talento, come già avvenuto in patria con la casacca della Celeste: tre gol nel Sudamericano Sub20 del 2017 vinto da sotto età, quattro in quello appena concluso da grande protagonista in Cile. Con un paio di scarpette ai piedi è persino più facile.

@DanieleGalosso