Conferenza stampa Conte: «L’Inter è troppo chiacchierata, sul derby…»

Conferenza stampa Conte: «L’Inter è troppo chiacchierata, sul derby…»
© foto www.imagephotoagency.it

Conferenza stampa Conte: le parole del tecnico nerazzurro alla vigilia del derby di domani sera contro il Milan

Antonio Conte ha risposto alle domande dei giornalisti in conferenza stampa alla vigilia della sfida di domani sera contro il Milan. Le sue parole.

DERBY – «Mi aspetto un derby, tutti i derby sono speciali e particolari. Lo sarà anche domani. Affrontiamo una buonissima squadra e cercheremo di prepararla nel migliore dei modi».

SPOGLIATOIO – «Penso che in generale l’Inter sia molto chiacchierata su giornali e tv. L’ho riscontrato ma mi hanno detto che è normale. Questo però non può essere una scusa, se negli anni scorsi filtravano tante cose non possiamo accerttarlo oggi. Diciamo che è normale amministrazione, forse altri club sono più bravi a proteggere determinate situazioni. Noi su questo dobbiamo migliorare tanto, abbiamo un enorme spazio di crescita anche fuori dal campo dove ci sono grandissime lacune. Dobbiamo colmarle tutti assieme non rispondere che anche negli altri anni c’era. Cerchiamo di cambiare le cattive abitudini tutti insieme»

GIAMPAOLO – «Ha meritato quanto ottenuto, ha fatto la gavetta come l’ho fatta io. Ognuno ha un proprio percorso e lui ha dimostrato di essere preparato, ossessionato dal calcio come il sottoscritto. Complimenti a lui»

JUVENTUS – «Non si possono fare paragoni rispetto a quando presi la Juventus. Quella era una squadra che non partecipava alle coppe europee, ho avuto la sfortuna di non parteciparvi ma la fortuna di avere i calciatori sette giorni su sette e lavorarci. Più tempo hai per farlo e più puoi incidere in tutto. Questo è un altro percorso, ci sono similitudini per via dell’inesperienza di tantissimi calciatori. Mi ricordo che quel primo anno tanti giocatori non avevano grande pedigree nazionale e internazionale, lo sono poi diventati dei grandi calciatori. Di buono c’è che i ragazzi hanno voglia di lavorare, sta a loro determinare il proprio futuro e fare lo step per passare da buoni a ottimi giocatori»

RAZZISMO – «Non solo il razzismo, ogni forma di insulto è un problema. Esiste in Italia e si va peggiorando. Io sono tornato dopo tre anni e ho trovato tutto peggiorato. Tanto odio, rancore, si scrive solo per fomentare le negatività. Siamo tutti colpevoli, anche voi»