Napoli, De Laurentiis: «Brava la Juventus, ma loro si indebitano e noi no»

Napoli, De Laurentiis: «Brava la Juventus, ma loro si indebitano e noi no»
© foto www.imagephotoagency.it

Le parole di Aurelio De Laurentiis in omaggio all’impresa della Juventus contro l’Atletico Madrid: il presidente del Napoli però riserva anche la solita frecciata ai bianconeri…

Aurelio De Laurentiis fa i complimenti alla Juventus per l’incredibile rimonta negli ottavi di Champions League contro l’Atletico Madrid dell’altro giorno: dopo che già il Napoli, tramite il proprio account Twitter, aveva omaggiato la prestazione bianconera, nelle scorse ore è arrivato anche il plauso del numero uno partenopeo, che sogna adesso una finale di Supercoppa Europea tutta italiana. «La Juve ha fatto una bella partita. Stimo molto Diego Simeone, ma stavolta ha perso – le parole di ADL . Una finale di Supercoppa Europea italiana? Sarebbe un bel regalo per i tifosi e per me». Il riferimento è ovviamente all’eventuale vittoria dell’Europa League da parte degli azzurri, ancora in corsa.

De Laurentiis ha poi parlato del divario in campionato tra la Juve e le altre, Napoli compreso, non lesindando qualche nuova frecciatina sui conti bianconeri: «Io non ce la faccio a indebitarmi, nel calcio sono considerato un esperto proprio perché non l’ho mai fatto. Alla Juve, per colmare il divario con i top club europei, dovranno farlo, perchè gli altri hanno incassi da 800/900 milioni di euro, loro invece da 400/450. Io sono già in debito con me stesso, nel Napoli ho investito 180 milioni di euro solo nei primi due anni perché potessimo tornare in Serie A. Il livello si può alzare non solo investendo denaro, ma anche cambiando le regole. Dovremmo fare una legge che faccia diventare i club società per azioni che possono fare profitti, invece noi continuiamo a credere che il tifoso sia proprietario del club: è una mentalità vecchia che mi ha fatto allontanare dalle Universiadi (che si terranno a Napoli, ndr), perché ho avuto a che fare con qualche populista (riferimento forse al sindaco di Napoli Luigi De Magistris, ndr.