De Laurentiis-Sarri come due ex: stavolta è davvero finita?

Iscriviti
sarri de laurentiis napoli
© foto www.imagephotoagency.it

Il binomio De Laurentiis-Sarri potrebbe spezzarsi a fine stagione, quando il tecnico del Napoli potrebbe lasciare la panchina azzurra

Aurelio De Laurentiis ha rotto il silenzio ed è tornato a parlare, affrontando tanti temi, da Inter-Juventus al lavoro di Maurizio Sarri, fino al futuro del tecnico toscano. La costante dell’intervista concessa a La Gazzetta dello Sport però è soltanto una: contraddire l’operato dell’allenatore. A partire da quando identifica i motivi del mancato Scudetto: «L’avvio anticipato ha fatto sì che il carburante si esaurisse ad aprile. Avremmo potuto evitare questo calo se fossero stati utilizzati tutti i giocatori della rosa».

Imputa quindi a Sarri quello che gli imputa la stampa: la mancata applicazione del turn over. Così come si allinea ad Allegri quando il discorso si sposta sulle Coppe: «Io non avrei mollato le coppe europee. Contro il Lipsia abbiamo perso l’andata perché alla vigilia lui aveva lasciato intendere che dell’Europa gli importava poco o niente. Dichiarazioni che potrebbero aver smontato i giocatori». Un attacco diretto, neppure troppo velato, in piena regola. Come due che si sono amati tanto e poi si sono detti addio. Al momento, quindi, restano poche speranze di vedere ancora mister Maurizio Sarri sulla panchina del Napoli.