L’Italia scopre Schillaci contro l’Austria – 9 giugno 1990

L’Italia scopre Schillaci contro l’Austria – 9 giugno 1990
© foto www.imagephotoagency.it

Il 9 giugno 1990 l’Italia supera l’Austria per 1-0 nella prima partita del suo Mondiale grazie ad una rete nel finale di Totò Schillaci

Certe volte non è necessario essere il più alto, il più forte o il più grosso. In alcune occasioni basta essere semplicemente nel posto giusto al momento giusto. Lo sa bene l’attaccante palermitano Salvatore Schillaci, per tutti Totò, che il suo posto giusto lo trova in una sera del 9 giugno 1990 e non lo lascerà più, almeno fino alla fatale semifinale con l’Argentina di qualche settimana dopo. Le “Notti magiche” di Schillaci, e insieme a lui di milioni di italiani, iniziano proprio nel giorno di Italia-Austria, la prima partita del nostro mondiale. Il commissario tecnico Azeglio Vicini può contare su una selezione fortissima, con Zenga in porta, Maldini e Baresi in difesa, Ancelotti, Berti e Donadoni in mezzo al campo e soprattutto su un attacco composto da giocatori del calibro di Mancini, Vialli e Carnevale. Senza dimenticarsi Totò. Ma nell’estate del 1990 è impossibile dimenticarsi di lui.

Tuttavia la gara con gli austriaci non va proprio come ci si aspettava. E’ vero nel primo tempo gli azzurri dominano. Carnevale, Vialli e Ancelotti vanno più volte vicinissimi a siglare il gol del vantaggio. La palla però proprio non ne vuole sapere di entrare in porta e quindi si va a riposo ancora sullo 0-0. Nella ripresa non sembra che le cose possano cambiare e a quindici minuti dalla conclusione del match è tutto ancora perfettamente in equilibrio. A questo punto Vicini si gioca la carta della disperazione e toglie un’esausto Carnevale per inserire al suo posto Schillaci. La scelta per quanto incredibile alla fine paga. Dopo tre minuti dalla sostituzione Gianluca Vialli lavora una splendida palla sulla destra e mette dentro il cross. Il tentativo senza destinato ad infrangersi sulla colossale difesa austriaca, ma tra due giganti di almeno 1,90 metri ciascuno sbuca la testa di un siciliano di appena 175 cm che impatta splendidamente il pallone e porta i suoi compagni in vantaggio. L’Italia vince dunque 1-0 e possono iniziare finalmente le mitiche “Notti magiche“.


Il contenuto video fa parte della serie web Almanacco del Calcio, prodotto da Sport Review srl.