La Juve prepara il passaggio al 4-3-3? La rivoluzione dipende da Sturaro

sturaro
© foto www.imagephotoagency.it

Calciomercato Juve: l’arrivo di Matuidi può permettere ad Allegri di modulare la squadra sul 4-3-3, ma l’ultimo segnale per sancire la rivoluzione lo darà Sturaro. Se rimane, il cambio di modulo diventerà realtà

L’arrivo di Blaise Matuidi dal Psg è un’indicazione importante sulla Juve che verrà. Il centrocampista francese, pagato 20 milioni di euro più bonus, permetterà ad Allegri di potersi anche concedere il lusso (dipende dai punti di vista) di cambiare modulo, dopo aver insistito negli ultimi mesi su un 4-2-3-1 che sul campo ha dato sempre risposte confortanti. Matuidi è un giocatore di livello internazionale, abituato a giocare partite di grande spessore e certamente non reciterà il ruolo di comparsa in bianconero. Sarà un protagonista e potrà permettere alla Juve il passaggio al 4-3-3 viste le sue caratteristiche, ma la rivoluzione tattica di Allegri passa dalla situazione di una pedina già a disposizione da tempo: Stefano Sturaro.

Se resta Sturaro via libera al 4-3-3

Le cessioni di Lemina e Rincon infatti hanno ristretto il parco dei centrocampisti bianconeri. Nella batteria dei giocatori a disposizione di Allegri si è aggiunto Bentancur, che molto probabilmente rimarrà per giocarsi le sua chances in cabina di regia (è lui il vero vice Pjanic). Oggi la Juve, oltre all’uruguaiano, ha in rosa Pjanic, Khedira, Marchisio, Matuidi e appunto il sopracitato Sturaro, che però potrebbe essere messo sul mercato. Ipotesi possibile, visto che l’ex Genoa ha tanti estimatori, ma la cessione del classe ’93 renderebbe difficilmente percorribile l’ipotesi di un abbandono del 4-2-3-1.

Con il 4-3-3 Allegri, con Sturaro, si ritroverebbe sei centrocampisti, il numero perfetto per affrontare tre competizioni. Mentre l’insistenza sulla strada vecchia comporta necessariamente l’addio di Sturaro, visto che si creerebbe un problema di abbondanza che penalizzerebbe oltremodo il ragazzo, comunque stimato nell’ambiente Juve. Insomma, la rivoluzione tattica dettata dall’arrivo di Matuidi potrà essere sancita alla sola condizione di poter trattenere Sturaro, che rappresenta un’ottima alternativa al nuovo arrivato. E che, in tempi di turnover, può sempre tornare utile.