Juve, non solo Messi-Ronaldo: gli incroci da film nei quarti di Champions

Juve, non solo Messi-Ronaldo: gli incroci da film nei quarti di Champions
© foto www.imagephotoagency.it

Juve, non solo la sfida decennale tra Messi e Ronaldo: l’urna di Nyon potrebbe regalare dei quarti di finale da film

La Juve ai quarti di finale è ormai una consuetudine degli ultimi anni, ma in questa edizione della Champions è servito un autentico miracolo per far presentare Nedved e Paratici a Nyon. Oggi alle 12 è atteso il sorteggio dei quarti di finale di Champions League, e gli incroci sono tutti da film. Uno su tutti quello tra Barcellona e Juventus, o meglio tra Ronaldo e Messi. Il dibattito su chi sia migliore tra i due va avanti da un decennio oramai, e i numeri dei due campioni sostanzialmente si equivalgono. Barça e Juve, invece, rievocano la finale di Berlino 2015, vinta dai blaugrana per 3-1, ma anche la semifinale 2003 col gol di Zalayeta, oppure l’ex Vidal e la sfida tra il vampiro Suarez e Giorgio Chiellini.

Altri incroci che portano alla memoria dolci ricordi bianconeri sarebbero quelli con Ajax e Liverpool: i Reds rievocano la prima Coppa dei Campioni e la tragedia dell’Heysel, mentre gli arcieri portano alla memoria l’ultimo trionfo europeo, in una sfida epica vinta ai rigori all’Olimpico di Roma. Il Man City invece porta a galla uno scontro tra due scuole di pensiero, quella di Guardiola e quella di Allegri. Ma non dimentichiamoci delle vecchie ruggini tra Pep e Cristiano. L’altra squadra di Manchester, lo United, è stata già affrontata durante la fase a gironi, ma ora alla guida dei Red Devils c’è Solskjaer e non Mourinho. Occhio anche ai relativi ex, CR7 da un lato e Pogba dall’altro.

Il Porto non rievoca trascorsi particolari alla Juve, ma rientra in questo particolare contesto per la nazionalità di Ronaldo: il portoghese più famoso contro l’unica portoghese in Champions. Infine il Tottenham che vorrà vendicarsi per l’eliminazione agli ottavi della scorsa Champions League. Le sceneggiature sono tutte ottime, ora non resta che aspettare le 12 e seguire gli esiti dell’urna di Nyon.